FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Lite vicino a una discoteca a Milano, ferito il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini: fermate 4 persone

Il 19enne è stato aggredito a coltellate poco dopo aver lasciato lʼOld Fashion intorno alle 5 di domenica mattina. I genitori in una nota: "Niccolò si sta riprendendo, è vivo per miracolo"

simona ventura, stefano bettarini, niccolò bettarini
instagram

Il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini, il 19enne Niccolò Bettarini, è stato ferito con un coltello all'uscita del locale Old Fashion, nel centro di Milano.

Il giovane è stato aggredito attorno alle 5 di domenica mattina, dopo una serata con gli amici.

Quattro persone sono state fermate

domenica notte, ma una nega le accuse. Il giovane sarà operato nei prossimi giorni per la ferita riportata a una mano. I genitori: "E' vivo per miracolo".

Nccolò Bettarini, figlio dʼarte amato dai social


La lite e l'aggressione

- Il diverbio che è sfociato nel ferimento di Bettarini sarebbe cominciato all'interno dell'Old Fashion, dove il figlio di Simone Ventura sarebbe intervenuto per difendere un amico, figlio di un militare della guardia di finanza, aggredito da altri giovani con cui aveva litigato alcune settimane prima.

I buttafuori del locale li avrebbero fatti uscire e uno degli aggressori avrebbe minacciato con un coltello o un punteruolo, che non sarebbe ancora stato trovato, l'amico di Niccolò. In quel momento il giovane si sarebbe frapposto ricevendo nove colpi, in varie parti del corpo. Il ragazzo ha subito, in particolare, "lesioni superficiali da taglio su tronco, addome e un arto superiore", recita il bollettino medico.

Un amico: "Erano degli animali"

- Gli amici del ragazzo sono stati sentiti dagli agenti della Squadra mobile e della volante della Questura di Milano. Uno di loro ha raccontato che gli aggressori che hanno colpito Niccolò "erano degli animali". "Non so perché sia scoppiata la lite, ma si sono accaniti contro il Betta", ha raccontato un altro ragazzo testimone dell'accaduto. "Tre di loro - ha aggiunto - mi sembravano drogati, avevano 30 o 40 anni, spero che facciano anni di galera".



"Niccolò era tranquillo nel locale, dalle immagine 33 telecamere che abbiamo non c'è nessuno che ha litigato con lui. E' stato a parlare con un dipendente fino all'orario di chiusura e, dal momento che lo conoscono tutti, lo avrebbero riferito se qualcuno avesse avuto a che dire con Niccolò", ha spiegato Roberto Cominardi, titolare dell'Old Fashion. L'uomo ha raccontato che, sempre dalle telecamere, si vede il giovane che si allontana dal locale, guarda alcune persone che stanno litigando e se ne va. Le stesse persone vanno poi nella sua direzione.

Fermate quattro persone, una nega le accuse -

Le indagini hanno portato al fermo di quattro persone, avvenuto domenica notte. Si tratta dei quattro uomini che già gli amici di Bettarini avevano indicato nel corso della lunga giornata di testimonianze e che sono stati interrogati dagli agenti della squadra mobile e della volante. Due sono italiani e due albanesi, hanno tra i 23 e i 29 anni e sono quasi tutti pregiudicati. Uno di loro, legato alla curva dell'Inter e raggiunto da da un provvedimento di Daspo negli anni scorsi, nega le accuse.

Simona Ventura: "Per fortuna Niccolò è fuori pericolo" 

- "Stanotte è arrivata la telefonata che nessuna mamma vorrebbe mai ricevere. Per fortuna Niccolò è fuori pericolo", ha spiegato la conduttrice tv Simona Ventura dopo l'aggressione al figlio.

"Sferrate 11 coltellate, ma si sta riprendendo velocemente" 

- Nel pomeriggio di domenica i genitori del 19enne hanno rilasciato una nota, spiegando quanto accaduto al figlio. "Questa notte nostro figlio Niccolò è stato aggredito da molte persone mentre cercava di difendere un amico. Fortunatamente le conseguenze non sono gravi, Niccolò si sta riprendendo velocemente, un miracolo visto le 11 coltellate inferte. Sperando che i colpevoli vengano presto assicurati alla giustizia, vogliamo ringraziare in primis la Questura di Milano, le Istituzioni e la meravigliosa squadra del Pronto Soccorso dell'Ospedale Niguarda per esserci stati così vicino".



Stefano Bettarini al Niguarda per far visita al figlio