FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, ferisce un militare e poi urla "Allah akbar": arrestato per attentato terroristico

Lʼuomo, uno yemenita irregolare in Italia, ha detto di aver sperato "di morire dopo lʼattentato"

militare aggredito stazione milano

Un soldato di 34 anni è stato ferito alla gola e alla schiena con due colpi di forbici davanti alla stazione Centrale di Milano. L'aggressore, il 23enne yemenita Mahamad Fathe, irregolare in Italia, è stato fermato poco dopo dai carabinieri. Mentre veniva bloccato ha urlato "Allah akbar". L'uomo, che ha dichiarato di aver "sperato di morire dopo l'aggressione" è stato arrestato per attentato terroristico.

Lo straniero ha sorpreso il soldato alla spalle colpendolo alla gola e alla schiena e provandogli ferite lievi. In quella fase non ha detto niente. Poi, mentre veniva disarmato, ha urlato "Allah akbar". Nel corso dell'interrogatorio, iniziato nel tardo pomeriggio davanti al pm Nobili e ai carabinieri dopo l'arresto di martedì mattina, l'uomo ha confessato spiegando a verbale che la sua intenzione, con quel gesto, era quella di venire ucciso dalle forze dell'ordine, perché desiderava "morire e andare nel paradiso di Allah".

Agli investigatori e agli inquirenti, che seguono l'indagine, l'aggressione di Mahamad Fathe appare come una "azione solitaria". L'uomo, a cui è stato contestato anche l'attentato con finalità terroristiche per aver gridato "Allah akbar" quando è stato bloccato, al momento non sembra avere legami con cellule terroristiche, anche se gli accertamenti sul punto vanno avanti.