FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Martina Levato: "Basta con questo marchio della coppia dellʼacido"

Lo ha detto la 24enne nel corso del processo per una serie di aggressioni a carico di Alexander Boettcher

Martina Levato: "Basta con questo marchio della coppia dell'acido"

"Ho intrapreso un percorso di consapevolezza sui reati commessi e sul mio ruolo di donna". Lo ha detto Martina Levato, parlando nel processo a carico di Alexander Boettcher per una serie di aggressioni con l'acido. La 24enne ha dichiarato inoltre di essere "stanca e arrabbiata per il marchio della cosiddetta coppia diabolica" attribuito a lei e al compagno.

"Con Alex un rapporto sbagliato" - "Oggi posso dire che il mio rapporto sbagliato con Alexander mi ha portato a commettere reati", ha quindi proseguito la Levato. "Ero innamorata - ha aggiunto - e tante cose e tanti errori non li vedevo e ho accettato cose che non accetterei più come donna".

"Alex innocente, aggressioni erano mie iniziative" - Martina ha in ogni caso sostenuto ancora una volta che l'aggressione a Giuliano Carparelli "era una mia iniziativa personale presa in accordo con Magnani, Alexander non c'entra".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali