FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Maltrattamenti in asilo a Milano, parla il titolare: "Sono già tornato in libertà, ci sarà un perché"

Il 35enne: "La verità e tutto il resto verranno a galla"

"Io dico solo che ho trascorso quattro giorni in carcere, ma ora sono libero: ci sarà un perché". Enrico Piroddi, il 35enne titolare dell'asilo privato Baby World Bicocca, finito in carcere mercoledì per maltrattamenti aggravati nei confronti di alcuni bimbi, si difende così dalle accuse. "Non voglio dichiarare null'altro - dice - tanto la verità e tutto il resto verranno a galla".

Milano, maltrattamenti e botte allʼasilo

L'uomo è stato arrestato in flagranza di reato insieme alla compagna e coordinatrice della struttura, Milena Ceres, 34 anni. "Lei è invece ai domiciliari - sottolinea Piroddi - ed è anche troppo". Proprio la donna è stata ripresa dalle telecamere dei carabinieri mentre mordeva un bimbo di due anni al volto. Piroddi è stato rimesso in libertà dal gip di Milano Stefania Pepe, ma con l'interdizione per 12 mesi dall'attività professionale.

Il condomino: "Un fulmine a ciel sereno" - "E' stato un fulmine a ciel sereno", commenta il titolare di una ditta che ha la sede nello stesso palazzo, in zona Bicocca, che ospita l'asilo. "Molti condomini si sono chiesti che cosa stava succedendo nei giorni scorsi, quando sono arrivate le ambulanze. Quando le ho viste ho pensato che fosse successo qualcosa alla struttura - ha spiegato - magari il crollo di un cornicione. Ma quando ho visto i volti in lacrime di alcuni genitori ho capito che si trattava di altro".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali