FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lite in discoteca per un selfie: Fedez denunciato a Milano, lui smentisce

Il rapper avrebbe rifiutato una foto mentre si trovava al Just Cavalli. Poi insulti alla polizia intervenuta per sedare la situazione

Lite in discoteca per un selfie: Fedez denunciato a Milano, lui smentisce

Un selfie negato ad un fan ha scatenato una discussione che si è conclusa con la denuncia del rapper Fedez. E' successo nella notte tra lunedì e martedì a Milano. Come riporta il Corriere della Sera, il cantante è stato denunciato dalla polizia per alcune frasi offensive rivolte agli agenti che erano intervenuti per sedare la lite. Il legale di Fedez ha poi dichiarato: "Mai insultata la polizia e Fedez non ha partecipato a nessuna rissa".

Stando a quanto riporta il quotidiano milanese, Fedez era al Just Cavalli in compagnia di amici quando è stato avvicinato da un fan che chiedeva una foto. Richiesta rifiutata dal rapper e discussione culminata con una bottiglia lanciata contro uno specchio (forse dallo stesso cantante). Alcuni pezzi dello specchio hanno anche ferito alla testa una ragazza.

Immediato l'intervento degli uomini della security del locale i quali hanno impedito a chiunque di uscire. E proprio questo ha scatenato l'ira di Fedez che ha chiamato la polizia. Una volta sul posto gli agenti hanno cominciato a raccogliere le testimonianze. Fedez ha invece rifiutato di sottoporsi agli accertamenti, filmando tutto quello che stava succedendo. Poi la reazione verbale contro le forze dell'ordine (pare siano volate parole grosse, "polizia di merda" e frasi simili) che hanno portato gli agenti a presentare denuncia contro il rapper.

Il legale di Fedez: "Mai dette certe frasi" - "Va esclusa a priori la responsabilità di Fedez in merito al ferimento della ragazza (considerando che il rapper è stata l'unica persona che ha ben pensato di soccorrerla), ma soprattutto invito e diffido i quotidiani dall'attribuire a Fedez il proferimento di frasi che non sono mai state pronunciate contro la Polizia: ciò anche in considerazione del fatto che è stato proprio l'artista a chiederne l'intervento": così l'avvocato Cristiano Magaletti, legale della label discografica Newtopia, commenta quanto accaduto questa notte al Just Cavalli a Milano.

La versione di Fedez - "La prima cosa da dire - si legge nella nota siglata dal legale - è stiamo attenti a mettere sulla bocca di Fedez parole tipo 'Polizia di merda', senza aver prima verificato la realtà dei fatti". Ecco quindi la ricostruzione dei fatti fornita dall'avvocato dell'etichetta fondata da Fedez e J Ax: "Il ragazzo, con la propria fidanzata, era al Just Cavalli per festeggiare i compleanni dei suoi due più stretti amici; era lì in veste privata e non di personaggio pubblico, per intenderci. Come spesso accade, molti fan gli hanno richiesto di potergli scattare delle foto e si è formata una ressa attorno a lui. A quel punto - racconta Magaletti - Fedez si è allontanato e dopo due minuti è scoppiato un piccolo parapiglia, nel quale sono rimasti coinvolti anche i buttafuori del locale: nella confusione, una ragazza si è procurata un piccolissimo taglio alla testa e Fedez - conclude - ha immediatamente chiamato le Forze dell'Ordine".

"Non avete tutelato un vip" -Secondo quanto spiegato dalla Questura, Fedez ha avuto da ridire sull'intervento della polizia, i quali a suo dire avrebbero dovuto tutelarlo in quanto vip. Dopo che è rimasta ferita, seppur lievemente, la ragazza, infatti, Fedez avrebbe voluto lasciare il locale ma i buttafuori lo hanno trattenuto. Lui allora ha chiamato la polizia. Non riuscendo però a lasciare la discoteca neppure con l'arrivo degli agenti, Fedez ha inveito contro i poliziotti accusandoli di non fare bene il proprio lavoro e ha annunciato che avrebbe sporto querela contro di loro. Cosa che ha fatto poco dopo presentandosi in questura e denunciando il cattivo operato delle forze dell'ordine che - sempre da quanto riferito in via Fatebenefratelli - non lo avrebbero tutelato adeguatamente in quanto personaggio famoso. Inoltre, a suo dire gli agenti avrebbero operato un abuso di potere evitando di farsi identificare e non identificando a loro volta i buttafuori che gli avevano impedito di lasciare subito la discoteca.

Polizia: "Fedez verrà denunciato per oltraggio" - La polizia ha comunicato che il rapper Fedez sarà denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale per aver offeso alcuni poliziotti ("Siete delle merde, fate un lavoro di merda") la scorsa notte all'interno della discoteca Just Cavalli, a Milano, durante un intervento per una lite. Anche la ragazza lievemente ferita nel trambusto, medicata all'ospedale, potrebbe sporgere querela, dato che per le lievi lesioni non si procede d'ufficio.

La replica sui social di Fedez

Ormai è diventata una routine dovermi difendere da accuse prive di qualsiasi fondamento, questa mattina è uscita un'Ansa...

Posted by Fedez on Martedì 9 giugno 2015

Questo è quello che è avvenuto ieri. Il personaggio che tentano di cucirmi addosso da mesi è molto lontano dalla realtà,ma purtroppo è Davide contro Golia.

Posted by Fedez on Martedì 9 giugno 2015

Salvini: "A Fedez farebbe bene leva militare" - "Pare che Fedez sia litigioso e nervosetto. Pare che abbia litigato con dei ragazzi e dei poliziotti, in discoteca. Pare che ci siano diverse denunce in corso. Penso che un anno di servizio militare farebbe bene a Fedez!!! Canta e rilassati, fratello". Lo scrive Matteo Salvini su Facebook.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali