FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Lecco, toglie "con la forza" smartphone e tablet alla figlia: ora la madre dovrà svolgere lavori socialmente utili

La giovane passava troppo tempo davanti a uno schermo, quindi la mamma le ha ritirato i dispositivi. Dal gesto è nata anche una lite. L'ex marito lo viene a sapere e la querela: a processo l'accordo per la "messa alla prova"

cellulare, telefonino, stress
istockphoto

Vedeva la figlia passare intere giornate in camera tra cellulare e tablet, e quindi ha optato per una soluzione drastica: disconnessione forzata da Internet e social attraverso il ritiro di tutti i dispositivi.

Un gesto che accomuna chissà quante madri, nel tentativo di schiodare i propri figli da quello schermo. Ma stavolta poteva costare caro: l'ex marito la querela e il processo sfocia in una

messa alla prova

della 50enne lecchese, che ora dovrà svolgere

180 ore

di lavori socialmente utili in un Comune della Brianza.


Il fatto

- Come riporta Il Giorno, l'episodio risale al dicembre 2018. La madre, stanca di vedere la figlia chiusa in casa con smartphone e tablet, le ritira i dispositivi. Ne nasce una lite, con la giovane - all'epoca minorenne - che si presenta al Pronto Soccorso dell'ospedale di Lecco per aver riportato

alcune contusioni

. Il padre - separato da qualche mese - viene a conoscenza del fatto e sporge querela. Dalle indagini emergono una serie di elementi che mandano la madre a processo per abuso di metodi correttivi e lesioni. 



Il processo

- Come spiega Il Giorno, durante la fase del dibattimento non è stato trovato un accordo tra le parti. Nonostante la richiesta del giudice, il padre non ha ritirato la querela. E allora si è deciso per la "

messa alla prova

", con lo svolgimento di servizi di pubblica utilità. La donna, in udienza, ha spiegato di aver "optato per questa scelta" solo per evitare alla figlia "di essere chiamata a testimoniare in un procedimento che l'avrebbe vista contrapposta al padre". La 50enne aveva comunque già risarcito la figlia e l'ex marito prima di finire in Aula.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali