FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lecco, diffamò Salvini: condannato Don Giorgio De Capitani

La vicenda risale al periodo tra marzo e ottobre 2015, quando il sacerdote aveva pubblicato sul suo blog e sui social post ritenuti diffamatori nei confronti del leader della Lega

Il sacerdote delle Brianza Lecchese, l'81enne Don Giorgio De Capitani, è stato condannato al pagamento di 7.500 euro, oltre che al risarcimento danno per 7mila, per aver diffamato Matteo Salvini. La vicenda risale al periodo tra marzo e ottobre 2015, quando il sacerdote aveva pubblicato sul suo blog e sui social post ritenuti diffamatori nei confronti del leader della Lega, che lo ha querelato.

La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico di Lecco, Nora Lisa Passoni.

 

Il 23 ottobre Salvini, assistito dall'avvocato Chiara Eccher, si era presentato in tribunale a Lecco e aveva risposto alle domande del pm Paolo Del Grosso e degli avvocati Emiliano Tamburini e Marco Rigamonti, legali del sacerdote. Nell'udienza odierna, invece, è stato sentito il teste chiave, Luca Morisi, responsabile della comunicazione del leader del Carroccio, e lo stesso Don Giorgio.

 

Il pm ha chiesto la condanna a una pena pecuniaria di 10mila euro, mentre la difesa ha invocato l'assoluzione "perché il fatto non costituisce reato". Il giudice monocratico ha condannato il sacerdote al pagamento di 7.500 euro, oltre al risarcimento del danno per 7mila.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali