FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La Scuola Svizzera di Milano non accetta disabili: è polemica

Il regolamento dellʼistituto multilingue invita i genitori di bambini con disturbi psicologici o comportamentali a non iscriversi. Il ministro Fedeli: "Valutiamo azione legale"

La Scuola Svizzera di Milano non accetta disabili: è polemica

No bimbi dislessici, autistici e con disturbi comportamentali: è quanto prevede il regolamento della Scuola Svizzera di Milano leggendo il regolamento approvato il 16 maggio e pubblicato sul loro sito. La scuola, che si autodefinisce impegnativa e multilingue, prevede al punto 2.5 tutta una serie di patologie che impediscono l'iscrizione. Una notizia che ovviamente ha suscitato un polverone politico. Il ministro Fedeli: "Vergognoso, valutiamo azione legale".

Il ministro Fedeli interviene: "Vergognoso" - "Stiamo verificando e valutando la situazione ma ci sono i margini per un'azione legale contro la Scuola Svizzera di Milano", ha detto a Repubblica il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. "Abbiamo una legge dal 1977 che supera le classi differenziali, i bambini, con le loro differenze, possono stare nella stessa classe ovviamente con i propri tempi e con degli strumenti specifici". Il ministro definisce "vergognosa", la norma del regolamento della Scuola Svizzera, "fanno vivere le differenze come un elemento discriminatorio", ha concluso.

"E' molto triste che nel nostro Paese, che, molto prima di altri, ha abolito le classi differenziali individuando nuovi modelli didattici in cui attivare forme di integrazione trasversale e in cui l'inclusione riguarda tutta la classe, si verifichino episodi di questo genere". Hanno dichiarato la responsabile Scuola del Pd Simona Malpezzi e la deputata della VII Commissione Laura Coccia, commentando il regolamento approvato dal Consiglio della Scuola Svizzera di Milano, fondata nel 1919 e una delle 18 Scuole Svizzere all'estero, sottoposta alla sorveglianza del Dipartimento Federale degli Interni di Berna.

Al punto 2.5 del regolamento si legge infatti che "essendo la Scuola Svizzera impegnativa e multilingue, non è ottimale per studenti affetti da disturbi dell'apprendimento, quali: dislessia, discalculia, ADHS, Sindrome Asperger, autismo, e disturbi comportamentali". "Precisiamo che le scuole svizzere in Italia non sono paritarie e non beneficiano di alcun finanziamento da parte dello Stato - affermano Malpezzi e Coccia - tuttavia dal 1999 il certificato di maturità che rilasciano è riconosciuto in tutta Italia allo stesso livello di un diploma di scuola secondaria superiore secondo un accordo tra il nostro governo e quello svizzero".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali