FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Infermiera killer, in Appello confermata condanna a 30 anni per Laura Taroni

Gli omicidi della madre e del marito, secondo lʼaccusa, sarebbero avvenuti in concorso con lʼex amante e medico Leonardo Cazzaniga

I giudici della Corte d'Assise e d'Appello di Milano hanno confermato la condanna a 30 anni per Laura Taroni, l'infermiera dell'ospedale di Saronno accusata di aver ucciso con un sovradosaggio di farmaci il marito Massimo Guerra e la madre Maria Rita Clerici tra il 2013 e il 2014. Gli omicidi sarebbero avvenuti in concorso con l'ex amante e medico Leonardo Cazzaniga, che è sotto processo a Busto Arsizio per la morte in corsia di altre 12 persone.

L'impianto accusatorio - Per il sostituto pg Nunzia Ciaravolo non vi è "alcun ragionevole dubbio" sulla responsabilità della donna in entrambi i delitti. E per questo ha chiesto e ottenuto la conferma della sentenza sia per Taroni, che per altri quattro suoi co-imputati, medici e dirigenti dell'ospedale, condannati a pene fino a 1 anno e 4 mesi con le accuse, a vario titolo, di omessa denuncia, favoreggiamento e falso. "Guerra è stato seviziato - ha sostenuto il pg nelle contro repliche - perché gli è stato fatto credere di essere diabetico. Aveva solo 46 anni ed è stato avvelenato da sua moglie".

Secondo il sostituto pg, non vi sono dubbi neanche sull'omicidio dell'anziana, morta dopo un malore il 4 gennaio di cinque anni fa. "Maria Rita Clerici non aveva nessuna patologia, soffriva ogni tanto di emicrania", ha sostenuto Ciaravolo che ha ricordato che alla donna è stata fatta "un'iniezione" poco prima di morire. "I suoi ultimi momenti li ha passati sul pavimento, mezza nuda, davanti ai soccorritori a cui è stato impedito di compiere qualsiasi manovra. Era già quasi in coma, mentre sua figlia, infermiera, non fa nulla".

Laura Taroni respinge le accuse - Accuse che sono state respinte con forza dalla stessa imputata, durante le dichiarazioni spontanee rese nella mattinata. "Non ho mai avuto intenzione di uccidere nessuno - ha detto Taroni prima che i giudici si ritirassero in camera di consiglio - e non l'ho mai fatto. Né tantomeno avrei ucciso il padre dei miei bambini, che sono ancora qui a lottare".

I familiari: "Ci ha traditi" - "Laura Taroni ci ha traditi come familiare e come professionista. Non posso non pensare al male che ha fatto ai miei nipoti, a noi e a tutte le persone che continueranno a soffrire per colpa sua", ha detto Gabriella Guerra, cognata dell'infermiera e sorella di Massimo Guerra.

Il legale che assiste lei e altri familiari, l'avvocato Laura Scarrone, dopo il verdetto ha sottolineato: "Non possiamo provare soddisfazione di fronte a una famiglia che è stata devastata. Ringraziamo però la Procura generale perché ha fatto di tutto per restituire l'immagine di Guerra come quella di una vittima, e non più di un persecutore".

L'avvocato difensore presenterà ricorso alla Cassazione - Monica Alberti, difensore di Taroni ha commentato: "Per noi è stato un duro colpo. Leggeremo le motivazioni (saranno depositate entro 90 giorni) e certamente faremo ricorso in Cassazione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali