FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Garlasco, verso la richiesta di archiviazione per Andrea Sempio

Lʼindagine punta a verificare se, come sostiene la difesa di Stasi, il Dna estrapolato dalle unghie di Chiara sia compatibile con quello del giovane indagato

Garlasco, verso la richiesta di archiviazione per Andrea Sempio

Si profila la richiesta di archiviazione per la nuova inchiesta della Procura di Pavia sull'omicidio di Chiara Poggi. L'indagine punta a verificare se, come sostiene la difesa di Alberto Stasi, il Dna estrapolato dalle unghie di Chiara sia compatibile con quello di Andrea Sempio, amico del fratello della vittima, ora indagato. Il pm sta rileggendo la perizia del processo d'appello bis che evidenzia come il Dna non sia utilizzabile per una comparazione.

Secondo l'agenzia Ansa il procuratore aggiunto di Pavia, Mario Venditti, sta acquisendo gli atti del processo già definito con i 16 anni inflitti ad Alberto Stasi in Cassazione, per valutare se nella denuncia presentata dalla difesa, per contro della madre dell'ex fidanzato di Chiara ritenuto responsabile dell'omicidio avvenuto a Garlasco nell'agosto del 2007, ci siano o meno elementi di novità.

L'ipotesi avanzata dalla difesa di Stasi - E soprattutto sta verificando il punto centrale su cui si fonda l'esposto dei legali di Alberto, Fabio Giarda e Giada Bocellari: l'esito della consulenza del loro esperto di fiducia, il biologo forense Pasquale Linarello, che a differenza dei risultati della perizia disposta nel processo d'appello bis, ha portato a ritenere che il Dna estrapolato dalle unghie della giovane donna uccisa quasi 10 anni fa sia "perfettamente compatibile" con quello di Sempio.

Per questo accertamento inquirenti e investigatori stanno rileggendo e valutando l'elaborato del genetista genovese Francesco De Stefano, nominato dai giudici della Corte d'Assise d'Appello di Milano. La sua relazione concludeva che di certo "è presente Dna maschile", ma che tuttavia a causa della sua "degradazione" e della "verosimile contaminazione ambientale non vi è la possibilità di una indicazione positiva di identità, nè si può escludere che nel materiale subungueale prelevato nel corso dell'autopsia di Chiara (..) sia presente anche Dna riferibile a Stasi".

Il dubbio sull'utilità del nuovo esame - In sostanza quel materiale genetico non portava ad individuare alcuna persona. In considerazione di ciò verrebbe a mancare il termine di confronto con il Dna di Sempio e quindi alla Procura pavese non resterebbe altro che chiedere l'archiviazione.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali