FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ecco Lorenzo, lʼeroe della metro di Milano: "Ho pensato: ho un minuto, posso farcela"

Eʼ uno studente di 18 anni colui che si è gettato sui binari per salvare il bimbo caduto dalla banchina. Il sindaco Sala lo ha cercato per incontrarlo

Ha un nome e ha un volto l'eroe di Milano che non ha esitato un attimo e si è gettato sui binari della metropolitana alla fermata Repubblica per salvare un bambino che era caduto dalla banchina, proprio mentre stava per sopraggiungere un treno, intorno alle 15 del 13 febbraio. Si chiama Lorenzo Pianazza, è uno studente 18enne, ma ha dimostrato un coraggio da leoni, mentre tutt'intorno i presenti, mamma del piccolo compresa, erano stati presi dal panico. Quando si è aperta la caccia all'eroe, anche a seguito dell'appello del sindaco Sala, il ragazzo ha contattato Milano Today per raccontare: "Ho pensato: ho un minuto, ce la posso fare".

"Tornavo da Varese e all'inizio non avevo capito - ricorda Lorenzo Pianazza; - mancava un minuto all'arrivo della metro e mi sono detto: 'Salto giù e lo prendo, tanto ce la faccio a risalire. O corro fino alla fine dei binari sperando che la metro si fermi'".

Rintracciata anche la dipendente Atm che ha permesso tutto ciò, bloccando prontamente la linea: è la 32enne Claudia Flora Castellano.

Ecco Lorenzo, lʼeroe della metro di Milano: "Ho pensato: ho un minuto, posso farcela"

Ha un nome e ha un volto l'eroe di Milano che non ha esitato un attimo e si è gettato sui binari della metropolitana alla fermata Repubblica per salvare un bambino che era caduto dalla banchina, proprio mentre stava per sopraggiungere un treno, intorno alle 15 del 13 febbraio. Si chiama Lorenzo Pianazza, è uno studente 18enne, ma ha dimostrato un coraggio da leoni, mentre tutt'intorno i presenti, mamma del piccolo compresa, erano stati presi dal panico. Quando si è aperta la caccia all'eroe, il giovane stesso ha contattato Milano Today e ha raccontato: "Tornavo da Varese e all'inizio non avevo capito; mancava un minuto all'arrivo della metro e mi sono detto: 'Salto giù e lo prendo, tanto ce la faccio a risalire. O corro fino alla fine dei binari sperando che la metro si fermi'". Rintracciata anche la dipendente Atm che ha permesso tutto ciò, bloccando prontamente la linea: è la 32enne Claudia Flora Castellano. Lo stesso sindaco Beppe Sala aveva lanciato un appello su Facebook per ritrovare il ragazzo impavido. "Tutti abbiamo potuto ammirare quello che si può definire un gesto coraggioso - aveva scritto il primo cittadino meneghino in un post. - Grazie alla tua prontezza e a quella della agente della stazione M3 Repubblica, che ha fermato la circolazione dei treni, è stato salvato un bambino. Purtroppo non abbiamo nessun riferimento. Pertanto spero che attraverso i social riuscirai a metterti in contatto con me perché vorrei invitare entrambi a Palazzo Marino e ringraziarvi di persona a nome di tutta la città di Milano"

leggi tutto

Lo stesso sindaco Beppe Sala aveva lanciato un appello su Facebook per ritrovare il ragazzo impavido. "Tutti abbiamo potuto ammirare quello che si può definire un gesto coraggioso - aveva scritto il primo cittadino meneghino in un post. - Grazie alla tua prontezza e a quella della agente della stazione M3 Repubblica, che ha fermato la circolazione dei treni, è stato salvato un bambino. Purtroppo non abbiamo nessun riferimento. Pertanto spero che attraverso i social riuscirai a metterti in contatto con me perché vorrei invitare entrambi a Palazzo Marino e ringraziarvi di persona a nome di tutta la città di Milano".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali