FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Delitto Garlasco, Stasi presenta ricorso straordinario in Cassazione

Nellʼatto, firmato dallo stesso Stasi il 3 dicembre 2016, si parla di "errore di fatto" per una "svista" da parte della Suprema Corte

La difesa di Alberto Stasi ha presentato un ricorso straordinario in Cassazione contro la sentenza di condanna definitiva a 16 anni di carcere per l'omicidio di Chiara Poggi, avvenuto a Garlasco il 13 agosto 2007. Nell'atto, firmato dallo stesso Stasi il 3 dicembre 2016, si parla di "errore di fatto" per una "svista" da parte della Suprema Corte, la quale non si è accorta che nell'appello bis non erano stati sentiti alcuni testimoni.

Nel ricorso, 39 pagine, Stasi chiede alla Cassazione di revocare "ex art. 625 bis cpp" la sentenza definitiva del 12 dicembre 2015 e di "rilevare l'errore di fatto lamentato, in assenza del quale l'esito decisorio sarebbe stato differente" e di conseguenza di disporre "l'annullamento con rinvio" della condanna a 16 anni di carcere emessa dalla Corte d'Assise d'Appello di Milano il 17 dicembre 2014. E in caso di accoglimento si chiede la sospensione degli effetti della condanna definitiva ossia di uscire dal carcere di Bollate dove si trova detenuto per espiare la pena (sul punto però decide il Tribunale di Sorveglianza, ndr)

Del ricorso straordinario, firmato solo dall'avvocato Angelo Giarda e da Alberto Stasi e depositato poco meno di sei mesi fa se ne e' avuta notizia solo oggi. Come si evince dall'atto, che si basa sulla giurisprudenza nazionale e internazionale (Cedu), "l'errore di fatto" consiste nel non aver sentito nel processo di secondo grado testimoni il cui esame era stato decisivo nel giudizio di primo grado - in abbreviato - che si era concluso con l'assoluzione dell'ex studente bocconiano.

Errore, di cui la cassazione non si e' accorta, e che ha portato a "un gravissimo pregiudizio per i diritti fondamentali del sottoscritto Alberto Stasi che avrebbe avuto diritto, senza ombra di dubbio, quantomeno a un nuovo grado di giudizio" per poter sentire tutti i testi che lo avevano scagionato e che ora chiede alla Suprema Corte che si corregga perché "il diritto ad un equo processo", di cui lamenta la mancanza, è sancito dall'articolo 117 della Costituzione ma anche dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Nel ricorso straordinario l'avvocato Angelo Giarda indica in 21 punti le "prove dichiarative", che avrebbero dovuto essere riassunte nel processo di appello. Il 27 giugno si terra' l'udienza a Roma per discutere il caso.

Il giallo di Garlasco, le tappe della vicenda

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali