FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Crollo di Lecco, lʼesperto: "Eʼ stata una somma di incurie"

Luca Bertoni, presidente dellʼOrdine degli Ingegneri di Lodi, ha analizzato immagini e filmati del cavalcavia di Annone Brianza. "Si è rotta la mensola al passaggio del tir per la ruggine", dice a Tgcom24

Crollo di Lecco, l'esperto: "E' stata una somma di incurie"

"E' stata una somma di incurie a causare la tragedia". Ne è convinto Luca Bertoni, presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Lodi, che ha studiato quanto accaduto al cavalcavia crollato di Lecco: per mestiere conosce tutti i segreti di queste strutture e per lavoro ha percorso innumerevoli volte il tratto di strada incriminato. "Dovevo capire cosa fosse accaduto - dice a Tgcom24, - così mi sono messo ad analizzare prima le foto e poi i filmati. Era evidente che si fosse rotta la mensola perché le armature del lembo superiore che la tengono in esercizio per effetto di corrosione e ruggine hanno ceduto. Il passaggio del camion ha permesso il meccanismo di collasso".

Che idea, dunque, si è fatto di quanto accaduto?
"L'unica mia fonte per capire il meccanismo del collasso sono state prima le foto e poi le immagini televisive. Le cause? E' evidente che si è rotta la mensola e le armature che tengono la mensola per il suo esercizio devono aver ceduto per la corrosione della ruggine. Comprendere questo tipo di cedimento dovrebbe indirizzare immediatamente i controlli su strutture simili, e ce ne sono molte, che sono molto più vulnerabili rispetto a strutture dove le travi che sorreggono i ponti sono un monolite fino agli appoggi".

Ha spiegato tutto con le frecce gialle disegnate sulle immagini.
"La trave centrale che sorreggeva il ponte non si è rotta. La trave centrale del ponte era in appoggio semplice su altre travi, che erano appoggiate a loro volta sui pilastri (particolare 1 nella foto) e da questi uscivano a sbalzo creando una sorta di mensola. Al passaggio del camion una delle mensola si è rotta, ed ha iniziato ad abbassarsi (vedi le frecce gialle nella foto) e in questo suo percorso verso il basso ha fatto venire meno l'appoggio alla trave centrale, che è quindi caduta sulla carreggiata stradale (nel video si vede infatti che la trave che sorregge il ponte cade verso destra, poi scivola verso il basso anche l'appoggio di sinistra). A crollo avvenuto è evidente lo stato della mensola che ha ceduto (particolare 2 nella foto)".

Sarà la mensola allora al centro dell'indagine?
"Molto probabilmente ha ceduto l'armatura metallica (per fenomeni di corrosione) che è posizionata nella parte superiore della trave a sbalzo. Tale tesi è avvalorata dalla visione del video, che mostra un cedimento repentino della mensola, come avesse 'strappato' il tondino metallico che ne costituiva il sostegno".

Come spiegare il crollo a chi non è un tecnico?
"Bisogna pensare a un balcone: la lastra di cemento armato è tenuta su una armatura ancorata nella parte superiore, ma il ferro con la ruggine si sfoglia e si assottiglia e le sollecitazioni fanno il resto".

Quante strutture ci sono del tipo crollato sulla SS36?
"Sono frequentissime in giro e si vedono anche sulla Milano-Genova. Leggevo che solo sulla Milano-Lecco ce ne sono 25, ma anche sulla via Emilia fino a Rimini. Si riconoscono subito: le due mensole sulle quali sono poggiate le travi in mezzo. Come schema statico funziona ma se fosse stato un monolite unico... Ad Annone Brianza è accaduto un po' quello che accadde durante il terremoto dell'Emilia del 2012 con le coperture dei capannoni che erano poggiate sui pilastri. I pilastri con la scossa si sono mossi ed è venuto giù tutto".

A chi compete il controllo di questi cavalcavia?
"L'ente di proprietà deve garantire l'efficienza. In questo caso il cavalcavia era di proprietà dell'Anas e fa male leggere questo rimpallo di responsabilità con la Provincia di Lecco. Ora la magistratura farà chiarezza. Nel paese dove vivo e dove sono stato sindaco, Tavazzano (Lodi), per esempio, la ferrovia storica sulla Milano-Bologna viene periodicamente controllata e la verifica di ponti e cavalcavia avviene anche sulle rogge".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali