FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Maugeri, sequestrati beni per 5 milioni a Roberto Formigoni | Lʼex governatore: "Ma io non ho nulla"

I pm contabili hanno eseguito anche sequestri conservativi a carico di altri per un ammontare totale di 30 oltre milioni

La Procura regionale della Corte dei Conti della Lombardia ha eseguito, a carico dell'ex governatore lombardo Roberto Formigoni, un sequestro conservativo per un valore di 5 milioni di euro. Il provvedimento riguarda la vicenda Maugeri, per la quale Formigoni è già stato condannato in primo grado 6 anni per corruzione. I pm contabili hanno eseguito anche sequestri conservativi a carico di altri, tra cui Pierangelo Daccò e Antonio Simone.

Al termine di "una complessa ed articolata attività istruttoria", spiega la Procura contabile, diretta da Salvatore Pilato, "perché fondata sugli analitici e puntuali riscontri di contabilità finanziaria, integrati dalle fonti probatorie provenienti dai giudizi penali, con la fondamentale collaborazione della guardia di finanza di Milano", delegata ad eseguire i sequestri, i magistrati hanno definito "gli accertamenti relativi al finanziamento da parte della Regione Lombardia della Fondazione Salvatore Maugeri, ente ospedaliero accreditato con il sistema sanitario regionale".

Per i pm contabili, anche sulla base degli atti penali, è "emersa la distrazione dal finanziamento delle cosiddette funzioni non tariffabili, dei contributi regionali a finalità vincolata per l'importo stimato nell'invito a dedurre nella misura di euro 59.383.107". Contestato un danno erariale, dunque, di quasi 60 milioni nei confronti della Regione Lombardia. Ed è emersa l'esistenza di "un sistema illecito composto da soggetti interni all'amministrazione regionale", tra cui proprio l'ex governatore, "e da soggetti esterni, che hanno cooperato in consapevole concorso per la distrazione delle risorse economiche dalle finalità pubbliche".

Il "provvedimento cautelare" disposto dai magistrati "è stato limitato alle quote di profitto realizzate da ciascuno dei presunti responsabili": 5 milioni a Formigoni, 4 milioni all'ex presidente della Fondazione Umberto Maugeri, 4 milioni all'ex direttore amministrativo Costantino Passerino e 10 milioni a testa a Daccò e Simone. I sequestri conservativi riguardano "beni immobili, crediti anche a titolo di vitalizio, conti correnti bancari" nei limiti "delle quote di arricchimento personale".

Nel disporre ed eseguire i sequestri i pm contabili chiariscono anche che non hanno riconosciuto alcuna "rilevanza" alle confische disposte nel processo penale (oltre 6,6 milioni a carico di Formigoni) perché quelle confische penali "hanno una rilevanza esclusivamente sanzionatoria e non risarcitoria del danno pubblico". Per l'11 luglio è fissata l'udienza di convalida dei sequestri conservativi.

A Formigoni sequestrati anche i vitalizi - Come emerso poi dagli atti della Procura contabile, i "crediti" per le cariche istituzionali ricoperte da Formigoni, oggetto di sequestro conservativo, sono l'assegno "vitalizio" da ex deputato ed ex senatore e il "trattamento pensionistico" per l'incarico di parlamentare europeo, ricoperto negli anni '80. E ancora il "vitalizio" e la "indennità di fine mandato" da ex Governatore.

L'ex governatore: "Tesoretto da 5 milioni? Non ho nulla" - Ma l'ex governatore ha bollato come "fake news" il sequestro cautelare di 5 milioni di euro. Formigoni ha fatto sapere che "nulla" gli è stato sequestrato "perché nulla posseggo. E tutto quanto possedevo (poco in verità) mi è stato già sequestrato da anni, per ordine della magistratura e che la notizia che vuol far credere che io possegga un tesoretto da 5 milioni che può essere sequestrato è falsa".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali