FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bus dirottato, un carabiniere racconta: "I bambini battevano i pugni sui vetri"

Il capo della Procura di Milano elogia i militari: "Hanno compiuto unʼoperazione da film"

Bus dirottato, un carabiniere racconta: "I bambini battevano i pugni sui vetri"

"I bambini bussavano sui vetri, battevano i pugni, chiedevano aiuto e noi siamo riusciti a tirarli fuori, mentre l'attentatore aveva già rimesso in moto il bus, perché aveva capito che i bambini stavano uscendo". Lo racconta il tenente Valerio Azzone dei carabinieri della compagnia di San Donato Milanese, uno dei sei militari intervenuti non appena un ragazzino ha dato l'allarme, per salvare gli oltre 50 studenti che erano sul bus dirottato.

Il capo della Procura: "Operazione da film" - "Se quei bambini sono salvi, lo dobbiamo al coraggio dei carabinieri di Sano Donato", ha detto il capo della Procura di Milano Francesco Greco durante la conferenza stampa sul dirottamento del bus. "I militari - ha spiegato - hanno compiuto un'operazione che vediamo nei film: hanno preso la decisione di intervenire e di estrarre i bambini".

Quell'uomo, ha chiarito Greco, "stava per dare fuoco al bus. L'intento stragista era già partito quando sono intervenuti i militari. L'uomo voleva compiere un gesto eclatante, voleva far parlare in tutto il mondo del suo gesto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali