FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bergamo, morta Ester Arzuffi: era la madre di Massimo Bossetti

La donna, che viveva a Terno dʼIsola, in provincia di Bergamo, era malata da tempo. Si è spenta in ospedale a Ponte San Pietro

Ester Arzuffi, la madre 71enne di Massimo Bossetti è morta, stroncata da un male incurabile. Il figlio, riferisce la redazione di Quarto Grado, aveva potuto vistarla con il permesso della corte d'Appello di Brescia. La donna, che viveva a Terno d'Isola, in provincia di Bergamo, era malata da tempo. Si è spenta in ospedale a Ponte San Pietro, sempre nella Bergamasca.

Ester Arzuffi si era sempre detta convinta dell'estraneità del figlio rispetto al delitto che vide vittima la tredicenne di Brembate di Sopra, scomparsa il 26 novembre del 2010 e trovata uccisa tre mesi dopo in un campo a Chignolo d'Isola, sempre nel Bergamasco.

Aveva anche sempre negato che Massimo fosse figlio di Giuseppe Guerinoni l'autista di autobus di Gorno scomparso nel 1999, come invece accertato nelle indagini. All'uomo gli investigatori erano giunti esaminando il dna trovato sul corpo della ragazza che, una volta comparato, risultò essere di Bossetti. Il muratore bergamasco è in attesa del processo in Cassazione che comincerà il 12 ottobre.

Legale Bossetti: "Chiederemo che possa partecipare ai funerali della madre" - Claudio Salvagni, legale di Massimo Bossetti, ha confermato che "chiederemo che possa partecipare ai funerali della mamma". Le esequie di Ester Arzuffi si terranno in forma privata.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali