FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Agguato di Brescia, la Procura: i due arrestati hanno confessato lʼomicidio

Due ore di appostamenti fuori dalla pizzeria dei coniugi da parte dei killer. Uno dei due parlò in tv poche ore dopo aver commesso il delitto

Agguato di Brescia, la Procura: i due arrestati hanno confessato l'omicidio

"Abbiamo raccolto la confessione piena di chi ha commesso il duplice omicidio. Gli autori sono gli stessi dell'agguato di un mese fa ai danni del dipendente dei Seramondi". Lo ha detto il procuratore capo di Brescia Tommaso Buonanno nel corso della conferenza stampa sull'arresto di un indiano e di un pakistano per l'agguato dell'11 agosto.

Agguato di Brescia, la Procura: i due arrestati hanno confessato l'omicidio

Due ore di appostamenti - I presunti killer avrebbero atteso due ore nei dintorni del locale dei coniugi prima di agire. Secondo quanto detto in conferenza stampa, l'indiano e il pakistano sarebbero arrivati nei pressi della pizzeria dei Seramondi alle 8,20 della mattina dell'11 agosto e si sarebbero nascosti in un edificio in disuso, prima di entrare nell'esercizio dei coniugi e fare fuoco.

"Fondamentali per individuare gli autori - ha spiegato ancora Buonanno - sono state le videoregistrazioni effettuate all'interno e all'esterno del locale dove è avvenuto il duplice omicidio". Il procuratore ha poi spiegato che "gli autori stavano tentando di distruggere il motorino usato per la spietata esecuzione dell'omicidio".

Killer andò in tv poche ore dopo il delitto - Dalla conferenza stampa è inoltre emerso che il pakistano Muhammad Adnan, colui che avrebbe esploso i quattro colpi di pistola per uccidere i coniugi Seramondi a Brescia, è tornato nel suo locale dopo l'omicidio, rilasciando anche dichiarazioni alle tv che erano presenti. Ai microfoni di Mediaset, poche ore dopo il delitto, parlò del proprio disagio a lavorare in una zona così pericolosa

Il fermo domenica pomeriggio - I due presunti killer sono stati fermati nel primo pomeriggio di domenica. Secondo il procuratore, i due sarebbero anche i responsabili dell'agguato a un dipendente del locale dei Seramondi, un pizzaiolo albanese di 42 anni, rimasto ferito circa un mese fa quando venne raggiunto da alcuni colpi di pistola esplosi da un'auto mentre, alle 5 del mattino, al volante della sua vettura stava andando a lavorare proprio "da Frank".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali