FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ponte Morandi, Bagnasco: "Le liti non rallentino la rinascita"

Durante lʼomelia lʼarcivescovo aveva invitato i cittadini e coloro che ancora soffrono per la tragedia a "non aver paura". Un teste: "La causa del crollo potrebbe essere la caduta di una bobina da un tir"

"Deve esserci unità per ricostruire la normalità di Genova a tutti gli effetti: dal lavoro alla viabilità. Le diatribe, che possono essere legittime, non devono in alcun modo rallentare la rinascita della città". Lo ha detto il cardinale e arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco visitando la zona del crollo del ponte Morandi. Durante l'omelia l'arcivescovo aveva invitato i cittadini e coloro che ancora soffrono per la tragedia a "non aver paura".

"Genova ce la farà, si sta muovendo. La coesione per far ripartire la città esiste", ha sottolineato Bagnasco, il quale ha deposto fiori e visitato i tendoni degli sfollati in via Fillak. Quella odierna è la prima visita del cardinale sul luogo del crollo. "E' impressionante, sembrano due braccia che hanno perso il corpo, ma ritornerà tutto ", ha affermato.

L'ipotesi sulla bobina d'acciaio caduta dal tir - Intanto si sta rifacendo strada una "vecchia" ipotesi sulle cause del crollo. "In un primo momento avevo pensato che la causa fosse la corrosione degli stralli. Poi vedendo alcuni video ho iniziato a ipotizzare che a far collassare il viadotto potrebbe essere stata la caduta del rotolo di acciaio trasportato dal camion passato pochi secondi prima", ha osservato Agostino Marioni, ingegnere ex presidente della società Alga che si occupò dei lavori di rinforzo della pila 11 nel '93. Marioni è stato sentito come persona informata dei fatti in procura dal pm Massimo Terrile.

Genova, cardinale Bagnasco depone fiori ai piedi dei monconi del ponte Morandi

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali