FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Imperia, viaggi personali con lʼauto dellʼistituto: arrestata una preside

La dirigente scolastica, 62enne originaria di Marsala (Trapani), non ha saputo giustificare perché si trovasse sulla vettura di servizio

I carabinieri hanno arrestato la preside dell'istituto scolastico Ipsia Marconi di Imperia, Anna Rita Zappulla, con l'accusa di peculato. La dirigente è stata infatti sorpresa al rientro dalla Francia con l'auto di servizio della scuola usata a fini personali. I militari hanno atteso che la donna rimpatriasse per fermarla in flagranza di reato e portarla in caserma. Le indagini sono iniziate a marzo dopo una segnalazione interna all'istituto.

Secondo i carabinieri, l'attività investigativa avrebbe permesso di documentare l'uso improprio dell'auto scolastica di cui reggeva la dirigenza, utilizzandola non solo in provincia di Imperia, ma anche fuori regione e addirittura oltreconfine. La donna, 62enne originaria di Marsala (Trapani), si è giustificata dicendo: "Io sono un dirigente, posso autogestirmi". La preside è stata poi portata nel carcere genovese di Pontedecimo e rischia una pena fino a dieci anni.

L'inchiesta, spiegano i carabinieri, ha consentito di "acclarare l'abitualità della condotta, facendo emergere il pieno uso per finalità private di un bene di cui la preside aveva la disponibilità", ma "per i soli fini connessi al suo ruolo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali