FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Crollo in A26, il pm valuta il reato di attentato alla sicurezza dei trasporti

Lʼinchiesta riguarda la caduta di materiale dalla volta della galleria Bertè il 30 dicembre

Il crollo del materiale dalla volta della galleria Bertè sull'autostrada A26 Genova-Gravellona Toce, avvenuto il 30 dicembre, era forse prevedibile in base alle ispezioni fatte. Se così fosse, potrebbe essere contestato il reato di attentato alla sicurezza dei trasporti, come già avvenuto per il crollo del ponte Morandi. L'ipotesi di reato è al vaglio del pm di Genova, Stefano Puppo, al quale è stato affidato il fascicolo per il crollo. 

Al vaglio del magistrato c'è anche il mancato adeguamento alla direttiva europea sulla sicurezza dei tunnel di lunghezza superiore ai 500 metri.

 

L'inchiesta mira a definire le eventuali conseguenze penali della mancata attuazione delle disposizioni di mitigazione del rischio, disposte dalla commissione del Consiglio superiore dei lavori pubblici, e l'eventuale rischio che gli utenti avrebbero potuto sopportare.

 

La guardia di finanza ha intanto ricostruito la catena delle persone che hanno avuto a che fare con la galleria: quei nomi potrebbero finire presto nel registro degli indagati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali