FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Liguria, case popolari prima agli italiani: bocciatura della Consulta. Toti: "Gravissimo"

La norma prevedeva che i cittadini stranieri risiedessero in Italia da almeno 10 anni. Esito prevedibile per Movimento 5 Stelle e Partito Democratico

Liguria, case popolari prima agli italiani: bocciatura della Consulta. Toti: "Gravissimo"

La Corte Costituzionale ha bocciato una norma della Regione Liguria, che prevedeva che gli stranieri potessero partecipare all'assegnazione di case popolari, solo se fossero “regolarmente residenti da almeno dieci anni consecutivi nel territorio nazionale”. Per la Consulta, si tratta di un articolo incostituzionale per "irragionevolezza e mancanza di proporzionalità". Il governatore Giovanni Toti su Facebook: "E’ gravissimo".

La bocciatura L'articolo 4 della legge regionale 13/2017 è stato dichiarato incostituzionale. Significa che ora i cittadini stranieri potranno ottenere un alloggio popolare anche se non risiedono da 10 anni consecutivi in territorio nazionale.

L'indignazione di TotiIl governatore della Liguria, Giovanni Toti, non ci sta: "Gravissimo che dalla corte costituzionale arrivi uno stop che danneggia i cittadini italiani", commenta su Facebook. "Invece di occuparsi dei veri bisogni dei cittadini, il passato Governo di centro sinistra ha ben pensato di intervenire su una nostra legge, che dava a liguri e italiani la priorità sulle case popolari e che ora è stata bloccata: un atto grave, ma che non ci ferma".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali