FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Legittima difesa, Cassazione: "Non si configura se si accetta la sfida"

La sentenza fa riferimento allʼomicidio di Stefano Petroni, ucciso dal cognato, Umberto Stregapede, nel 2015 a Roma

Legittima difesa, Cassazione: "Non si configura se si accetta la sfida"

La legittima difesa non è invocabile "da parte di colui che accetti una sfida oppure reagisca a una situazione di pericolo volontariamente determinata", nonostante la "possibilità di allontanarsi dal luogo senza pregiudizio e senza disonore". Lo stabilisce la Cassazione, confermando la condanna a sei anni e due mesi per Umberto Stregapede, che nel 2015 a Roma uccise il cognato, Stefano Petroni, con 31 coltellate.

La tesi della difesa di Stregapede - L'uomo invocava la legittima difesa o, in alternativa, che gli venisse riconosciuto l'eccesso colposo di legittima difesa. Sosteneva che il suo intento non fosse affrontare il cognato, ma solo quello di mediare tra lui e la propria famiglia: lo attese sotto la propria casa disarmato al solo fine di farlo ragionare e di dissuaderlo da azioni aggressive, anche in considerazione del fatto che l'imputato sapeva dell'imminente arrivo dei carabinieri. Si sarebbe pertanto difeso spinto dal pericolo per la propria incolumità e per quella della propria famiglia.

La sentenza della Cassazione - I giudici di merito, come ricostruito in sentenza, hanno accertato che l'imputato era uscito di casa, per aspettare il cognato, "in un momento in cui il pericolo che Petroni realizzasse le minacce profferite per telefono non era attuale", per questo, concorda la prima sezione penale della Cassazione (sentenza n. 33707) aveva quindi "liberamente scelto" di affrontarlo, senza essere spinto dalla necessità di difendere i propri familiari, "implicitamente accettando qualunque conseguenza". La vittima aveva con sé un coltello, che è stato poi usato da Stregapede per l'omicidio: "avrebbe potuto raccoglierlo e limitarsi a brandirlo invece di utilizzarlo". Inoltre, Petroni, "caduto in terra colpito" non poteva "in nessun modo aggredirlo", ma l'imputato "aveva portato altri colpi più numerosi e complessivamente letali".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali