FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vaticano, prelato residente a Santa Marta positivo al coronavirus | Tamponi anche per il Papa

Salgono a cinque i casi di positività. Per lʼedificio e i suoi abitanti sono state adottate le misure di prevenzione

Un monsignore italiano in servizio presso la Segreteria di Stato vaticana è risultato positivo al coronavirus e portato in ospedale. Il prelato vive da tempo a Casa Santa Marta, la stessa residenza vaticana dove abita papa Francesco: per l'edificio e i suoi abitanti sono state adottate le misure di prevenzione previste dai protocolli. Si tratterebbe del quinto contagiato dal Covid-19 in Vaticano. Tamponi anche per il Papa.

Salgono quindi a cinque i casi di positività Oltretevere. Martedì il Vaticano aveva ufficializzato la situazione: "Allo stato attuale sono quattro i casi di positività al coronavirus riscontrati: oltre al primo di cui si è data precedentemente notizia, si tratta di un dipendente dell'Ufficio Merci e di due dipendenti dei Musei Vaticani", aveva detto il direttore della Sala Stampa, Matteo Bruni.

 

"Le quattro persone erano state poste in isolamento in via cautelativa prima che risultassero positive al test e il loro isolamento dura ormai da oltre 14 giorni; attualmente sono in cura in strutture ospedaliere italiane o presso la propria abitazione", aveva spiegato.

 

Tamponi a Santa Marta I dipendenti della Segreteria di Stato che possono aver avuto contatti con il monsignore italiano ora al Gemelli, sono stati sottoposti al tampone. Secondo le stesse fonti, lo stesso papa Francesco sarebbe stato sottoposto al tampone ma ancora non se ne conosce l'esito. 

 

Anche mercoledì papa Francesco è tornato sul Covid-19: in tempo di pandemia va rilanciato il "Vangelo della vita", poiché per la Chiesa la difesa della vita "non è un'ideologia", bensì "una realtà umana che coinvolge tutti i cristiani".

 

Coronavirus, il centro di Roma è spettrale

Il centro di Roma completamente deserto durante l'emergenza coronavirus.  La polizia e i soldati sono dispiegati per vigilare sul rispetto del decreto governativo che limita e riduce gli spostamenti delle persone. Per le vie della capitale la luce dei lampioni si riflette sui monumenti storici e le strade amplificando il senso di vuoto di questi lunghi giorni di lockdown.

 

Nell'udienza generale trasmessa in diretta video dalla Biblioteca del Palazzo apostolico, il Papa ha ricordato che esattamente 25 anni fa "San Giovanni Paolo II promulgava l'Enciclica 'Evangelium vitae', sul valore e l'inviolabilità della vita umana", e "oggi, ci troviamo a rilanciare questo insegnamento nel contesto di una pandemia che minaccia la vita umana e l'economia mondiale".

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali