FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Stalking, Giorgia Meloni testimonia a processo: "Ho paura per mia figlia"

Raffaele Nugnes, arrestato il 31 luglio nel Casertano, sostiene che la bambina della leader FdI sia sua e che lei glielʼabbia strappata. La Meloni ha ribadito di non avere mai "visto o conosciuto" quellʼuomo

giorgia meloni

"Ho paura per mia figlia, che ha appena 3 anni. La notte non dormo per questa vicenda". Così Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, ha testimoniato in tribunale durante il processo che vede imputato per stalking Raffaele Nugnes, arrestato il 31 luglio nel Casertano. L'uomo, ha raccontato la Meloni, "sosteneva che gliel'ho strappata, che la bambina era sua, che prima o poi sarebbe venuto a riprendersela a Roma".

La Meloni ha ricostruito la vicenda rispondendo alle domande del pm. "Io vivo spesso fuori casa e il mio stato d'ansia è enormemente cresciuto - ha detto - perché ho dovuto prendere particolari cautele. Non bastava più la baby sitter per controllare mia figlia". Nel procedimento la leader di Fratelli d'Italia è parte civile.

 

"Ho appreso dei messaggi minatori solo quando, più o meno in contemporanea, è stata allertata dalla Digos e mia sorella. Le era arrivato un video intimidatorio riconducibile all'imputato". Nugnes era stato arrestato e posto ai domiciliari. La Meloni ha ribadito di non averlo mai "visto o conosciuto".

 

"Il mio modo di vivere è ovviamente cambiato. Ho paura anche dopo un messaggio pubblicato dall'imputato in cui scriveva: 'Hai tempo tre giorni per venire dove sai, se non vieni sai cosa succede, vengo a Garbatella...'".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali