FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Roma, stupro di Capodanno: "Io abbandonata persino dalle amiche"

La 16enne vittima di una violenza di gruppo nella villetta del quartiere Primavalle:  "Quello che ho vissuto fa schifo, lasciatemi in pace"

Violenza Abusi Stupro Donne Pedofilia
ansa

Il suo corpo coperto di lividi, tanto che la prognosi dell’ospedale era di 30 giorni. "Quello che ho vissuto fa schifo quindi lasciatemi in pace, devo metabolizzare". La 16enne vittima di una violenza di gruppo nella villetta del quartiere Primavalle a Roma, durante la festa di Capodanno di un anno fa, parla attraverso la sua portavoce Bo Guerreschi, presidente dell’associazione Bon’t Worry che si sta occupando della difesa legale dell’adolescente. La mattina dopo le violenze, ha raccontato la vittima agli avvocati, "a momenti mi staccavo la pelle, volevo togliermi lo schifo di dosso".

Una esperienza tremenda, di cui non vuole parlare con nessuno, dice di essere stufa e, come sostiene la sua portavoce al Corriere della Sera, "si è rifugiata nel mutismo". I ricordi di quella nottata non sono ancora nitidi e farli riaffiorare a più di un anno di distanza è doloroso. "La ragazza è in una fase molto delicata perché sa che dovrà affrontare un’altra testimonianza e sarà il momento peggiore, perché dovrà rivivere tutto".

 

La 16enne ha raccontato di essersi "sentita sola, anche le mie amiche l'hanno abbandonata". "Probabilmente — spiega — hanno avuto paura delle reazioni dei loro genitori e si sono tirate indietro, ma se sei sobria e vedi che una tua amica è in una situazione a rischio, la porti via. Non l’abbandoni. Invece è quello che hanno fatto. Hanno girato la testa dall’altra parte, non hanno avuto nemmeno il coraggio di chiedere scusa dopo".

 

In un attimo una minore vittima di uno stupro di gruppo si è ritrovata isolata. Proprio nel momento più importante, quello della denuncia. Racconta infatti Guerreschi: "Ormai è rimasta sola. Tutti la accusano, dicono che non c’è stata una violenza, che se l’è cercata, si dipingono come santi, ma in questa storia una verità già c’è: la ragazza non ha colpa, non sapeva neanche cosa stesse succedendo".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali