FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Roma, raid punitivo in bar: Antonio Casamonica condannato a 7 anni | Raggi: "Giustizia è fatta"

Lʼaccusa è di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso. Il pestaggio e la distruzione del Roxy bar, nel quartiere Romanina, erano avvenute il giorno di Pasqua del 2018

Roma, raid punitivo in bar: Antonio Casamonica condannato a 7 anni | Raggi: "Giustizia è fatta"

Il tribunale di Roma ha condannato a 7 anni di reclusione Antonio Casamonica in relazione all'aggressione in un bar della Romanina, un quartiere periferico della Capitale, avvenuto il primo aprile dell'anno scorso. Lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso i reati contestati dal pm Giovanni Musarò. La procura aveva chiesto una condanna a 7 anni e 4 mesi.

Picchiati una donna disabile e il barista - Antonio Casamonica è accusato di aver partecipato al pestaggio e poi alla distruzione del Roxy bar. Nel raid, condotto da esponenti del clan, erano stati aggrediti e picchiati una donna disabile e il barista romeno, colpevoli di non aver servito subito gli esponenti del clan. 

La dinamica - Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Antonio Casamonica e il cugino Alfredo Di Silvio avrebbero insultato il titolare prima di picchiare una cliente (una donna disabile) che era in fila con loro e che per prima aveva risposto agli insulti dicendo loro che "se non apprezzavano il servizio potevano cambiare bar". Alla donna, spinta contro il muro e colpita con ferocia con una cintura, erano anche stati rotti gli occhiali, tra l'immobilismo dei presenti, terrorizzati dalla paura. 

"Qui comandiamo noi" - Dopo mezz'ora Alfredo Di Silvio erano tornato in compagnia del fratello Vincenzo: i due avevano aggredito a colpi di bottiglia il barista, "colpevole" di non essersi occupato con solerzia di loro. E avevano poi devastato il bar, intimando al titolare di chiudere e gridando: "Qui comandiamo noi, fai quello che ti diciamo o ti ammazziamo". 

Già condannati con rito abbreviato gli altri 3 aggressori - Gli altri tre aggressori, Alfredo, Vincenzo ed Enrico Di Silvio, hanno, invece, hanno scelto il rito abbreviato e hanno già ricevuto le condanne: a 4 anni e 10 mesi di carcere per Alfredo Di Silvio , 4 anni e 8 mesi per suo fratello Vincenzo, 3 anni e 2 mesi per il nonno dei due, Enrico. Anche per loro il gip ha riconosciuto il fatto di aver agito con i metodi tipici della criminalità organizzata.

Raggi: "Giustizia è fatta" - Su Twitter è arrivato il commento del sindaco di Roma, Virginia Raggi: "Ricordate l'aggressione nel bar della Romanina? Antonio Casamonica è stato condannato a 7 anni per lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso. Giustizia è fatta", ha scritto.

I parenti di Casamonica: "Vergognatevi schifosi" - Di ben altro tenore la reazione dei parenti di Antonio Casamonica che dopo la lettura della sentenza in aula hanno gridato: "Vergognatevi schifosi, l'Italia fa schifo". Alcune persone hanno inveito anche contro dei giornalisti presenti in aula.

Interdizione perpetua dai pubblici uffici - Il giudice ha stabilito per Casamonica anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici e la libertà vigilata a fine pena. Inoltre dovrà risarcire la donna picchiata nel bar con 60 mila euro e i due titolari del locale con 40 mila euro. Stabilito anche un risarcimento di 5 mila euro per la Regione Lazio e 20 mila euro per le altre parti civili.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali