FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, licenziato dalla banca torna e rapina filiale: arrestato

Un incensurato 56enne ammanettato dai carabinieri che lo colgono in flagrante. Lui si difende: "Era uno scherzo"

Roma, licenziato dalla banca torna e rapina filiale: arrestato

A volto coperto è entrato in una banca e ha tentato una rapina. I dipendenti sono però riusciti a far scattare l'allarme e far arrestare il malvivente. Una storia come tante se non fosse che il malvivente, un 56enne incensurato, altro non era che un ex dipendente della stessa banca, un direttore di filiale licenziato nel 2011. Ai militari che lo ammanettavano ha detto: "Era tutto uno scherzo".

E' successo a Roma, in viale Ippocrate. Il malvivente era entrato con il volto coperto da una maschera e armato di pistola e coltello a serramanico ha minacciato il direttore rinchiudendolo in una stanza per obbligarlo a fargli aprire la cassaforte.

Uno dei dipendenti della filiale è però riuscito a far scattare l'allarme anti rapina. Immediato l'intervento dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile. Il malvivente è stato subito immobilizzato e disarmato. Vistosi scoperto ha provato a difendersi dicendo che si trattava di uno scherzo ai danni del nuovo direttore.

Il rapinatore era anche lui un dipendente della stessa banca, un direttore di filiale, che però era stato licenziato nel 2011. La pistola che aveva con sè è poi risultata essere un giocattolo. Portato nel carcere di Regina Coeli dovrà rispondere di sequestro di persona e tentata rapina.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali