FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, il ladro delle ceneri di Elena Aubry: "Per me rubarle è come una droga, a casa ho 375 foto di ragazze morte"

Il necrofilo annotava su un taccuino i dati delle tombe violate, con lʼelenco delle foto sottratte dalle lapidi. Nel caso della 26enne morta nel 2018 era andato oltre, profanandone anche i resti

roma, ostiense, buche, elena aubry
facebook

"Per me è come una droga, non riesco a fermarmi: devo rubarle". E' l'inquietante confessione del 48enne che ha sottratto dal cimitero del Verano le ceneri di Elena Aubry, la motociclista 26enne morta in un incidente stradale a Roma nel 2018. Il necrofilo annotava su un taccuino i dati delle tombe violate, con l'elenco delle foto sottratte dalle lapidi. Gli inquirenti hanno individuato 375 profanazioni, con furto di altrettante immagini, storie e cimeli.

Nel caso di Elena Aubry, l'uomo non si era limitato a impadronirsi dell'immagine sulla tomba: aveva anche trafugato le ceneri delle giovane. Dopo la denuncia della madre, i carabinieri sono riusciti a risalire al responsabile.

 

Nel suo diario hanno anche scoperto la data precisa del furto delle ceneri: il 4 marzo 2020, poco prima del lockdown. "4.3.20 Presa Elena Aubry. Nata 28.10.1992 Morta 6.5.2018", recitava l'annotazione. L'elenco scoperto nell'agenda del necrofilo è molto lungo e contiene i dati di giovani donne decedute anche cinquant'anni fa.

 

Il 48enne potrebbe finire a processo per le accuse di violazione di sepolcro, vilipendio di tomba, sottrazione e occultamento di cadavere per le ceneri di Aubry, ma anche della ricettazione delle centinaia foto di ragazze morte. Dietro alla sua macabra e irrefrenabile cleptomania non ci sarebbe alcuna malattia mentale, secondo la perizia psichiatrica.

 

"Le immagini più belle le tenevo esposte, con le cornici. Per me erano sacre", ha dichiarato il necrofilo. E ha aggiunto, confessando il suo modus operandi: "Sceglievo giorni e orari e portavo, come escamotage, cibo per gatti tra le tombe".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali