FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Roma, l'ex onorevole che parcheggia con il permesso della Camera scaduto

Le telecamere di "Striscia la Notizia" documentano le infrazioni di Andrea Caso (M5s) che ha cessato il mandato nel 2022

 

 

La XVIII legislatura compie un anno ma per le vie di Roma un ex onorevole parcheggia con permessi scaduti. Le telecamere di "Striscia la Notizia" hanno documentato le infrazioni di Andrea Caso, deputato del Movimento 5 Stelle fino all'ottobre 2022. Come confermato dagli agenti della Polizia stradale di Roma Capitale Caso avrebbe collezionato almeno 20 multe per divieto di sosta. Sul cruscotto della sua vettura sono ancora visibili i contrassegni ufficiali della Camera dei Deputati e dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, pass che consentono ai deputati in carica di accedere in zone a traffico limitato ma che Caso userebbe per evitare le contravvenzioni.

 

 

Un video amatoriale mostra l'ex parlamentare gettare le multe per strada ma lui nega. "Il pass è scaduto e io pago tutte le multe con l'app", si giustifica Andrea Caso. E invoca il diritto alla sosta: "Il tesserino temporaneo serve per parcheggiare alla Camera dei Deputati ed è un segno di riconoscimento". Al quel punto l'inviato del tg satirico Jimmy Ghione si reca in piazza del Parlamento per chiedere spiegazioni al custode del parcheggio antistante Montecitorio: "Se il pass è scaduto lui qui non può parcheggiare". E anche l'ex deputata di Forza Italia Renata Polverini conferma il divieto per i non eletti di utilizzare il tesserino della Camera dei Deputati sulla propria vettura. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali