FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pensioni e lavoro, la Cgil in piazza: "Il governo ha chiuso la porta"

"Non ci hanno dato soluzioni previdenziali adeguate", accusa Susanna Camusso, che annuncia una nuova mobilitazione e tende la mano a Cisl e Uil: "Divisi si è più deboli"

"Non ci fermiamo oggi, continueremo la battaglia innanzitutto in Parlamento sulla legge di bilancio". Così Susanna Camusso ha parlato in piazza del Popolo, a Roma, davanti ai manifestanti scesi in strada contro il governo su pensioni e lavoro. "Le regole non condivise nella manovra - ha detto - sono una grande occasione persa. E l'articolo 18 non è un totem ideologico, come dice Renzi, ma una necessità concreta. Presto una nuova mobilitazione".

"Pensioni e giovani, il governo ha chiuso la porta" - "La scelta fatta dal governo - ha attaccato - è stata quella di chiudere la porta alla prospettiva previdenziale dei giovani, così come non c'è una soluzione previdenziale per le lavoratrici, per le donne riuscire a lavorare è un esercizio difficilissimo".

Mano tesa a Cisl e Uil - "Noi vogliamo ritessere i fili unitari - ha poi dichiarato il segretario della Cgil - e proponiamo a Cisl e Uil di ridefinire le regole comuni per le vertenze, perché sappiamo bene che divisi si è più deboli e non si ha la forza di chiedere innanzitutto il rispetto degli accordi".

La Camusso ha poi criticato la manovra, dicendo che "c'è troppa continuità senza giustizia per chi ha pagato la crisi. Il sentiero è stretto se passa il messaggio che l'evasione non può essere contrastata perché, anche se hanno cambiato il nome, ancora troviamo in manovra i condoni fiscali e si mantiene quel sistema che paga di più chi ha di meno anche se si dice che non vengono aumentate le tasse".

"C'è ancora bisogno di sindacato" - "Il vento sta cambiando - ha ripreso -. Non è vero che non ci sono le condizioni per dare risposte positive". E, rivolgendosi alle aziende: "smettetela di pensare che si possano prendere i lavoratori uno per uno, discutete con i rappresentanti sindacali. Il vento che sta cambiando ci dice che nonostante quelli che pronosticavano la fine del sindacato, il sindacato continua a essere nei luoghi di lavoro, e di sindacato c'è bisogno. Il lavoro va contrattato, bisogna respingere la frantumazione".

La Cgil in piazza per le pensioni contro il governo: migliaia i manifestanti

E' il giorno della mobilitazione nazionale della Cgil in molte città italiane, dove migliaia di persone sono scese in piazza nel segno dello slogan "Pensioni, i conti non tornano". Cinque le manifestazioni organizzate dalla confederazione dopo la rottura del tavolo con il governo sulla previdenza, considerato "insufficiente". Strade inondate dai dimostranti a Roma, Torino, Bari, Palermo, Cagliari.

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali