FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ilaria Cucchi contro il gen. Nistri: "Sproloquia contro chi nellʼArma ha fatto riaprire il caso"

Il giorno dopo lʼincontro col Comandante generale dei Carabinieri la sorella di Stefano attacca: "Vuole punire chi ha parlato". Il ministro Trenta difende Nistri

Ilaria Cucchi contro il gen. Nistri: "Sproloquia contro chi nell'Arma ha fatto riaprire il caso"

Ilaria Cucchi attacca duramente il Comandante Generale dei carabinieri, il generale Nistri, incontrato assieme al ministro Trenta: "Con Nistri 45 minuti di sproloquio contro Casamassima, Rosati e Tedesco, gli unici tre pubblici ufficiali che hanno deciso di rompere il muro di omertà nel mio processo". "Non mi aspettavo delle scuse perché avrebbe potuto essere per lui troppo imbarazzante", ha aggiunto Ilaria Cucchi.

Ilaria Cucchi ha parlato alla Stampa Estera leggendo un testo con le sue reazioni all'incontro al ministero della Difesa, con il comandante generale dell'Arma, Giovanni Nistri, e la titolare del dicastero, Elisabetta Trenta. "Il generale Nistri avrà certamente le sue ragioni, ma perché dirlo a me, a noi in questa occasione, in un processo dove stanno emergendo gravissime responsabilità. Siamo sicuri che vi sia proprio adesso un insopprimibile esigenza di punire proprio coloro che hanno parlato?", ha aggiunto la sorella di Stefano.

"Questo processo, io, Fabio e la mia famiglia lo abbiamo fortissimamente voluto e ora il generale vuole colpire tutti coloro che hanno parlato", ha aggiunto Ilaria Cucchi. Riccardo Casamassima e la moglie, Maria Rosati, entrambi carabinieri, con le loro dichiarazioni hanno permesso la riapertura del processo. Davanti ai giudici avevano raccontato di avere subito conseguenze sul lavoro per avere parlato del pestaggio di Cucchi. Francesco Tedesco ha accusato del pestaggio di Cucchi i coimputati Alessio Di Bernardo e Raffaele D'Alessandro.

Trenta: nessuno sproloquio da Nistri - "Il Comandante dell'Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri non ha portato avanti alcun sproloquio e non ha manifestato nei confronti di nessuno pregiudizi punitivi. Ero presente, se lo avesse fatto sarei intervenuta! Semplicemente, ha rimarcato l'obbligo per tutti i gradi al rispetto delle regole, il che rientra nelle sue prerogative di Comandante". Così in un post su Facebook il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, replica ad Ilaria Cucchi.

Ilaria Cucchi non aveva incontrato la stampa - Al termine dell'incontro il ministro Trenta aveva convocato un incontro con la stampa nel quale aveva evidenziato l'esito della riunione. Non c'era però Ilaria Cucchi, proprio per la tensione che si era sollevata col Generale Nistri. "Chiedo scusa ai giornalisti - aveva scritto su Facebook - che ci stavano aspettando ma non me la sono sentita di rilasciare dichiarazioni. Non era quella la sede per una una cittadina normale come me. La Ministra della Difesa Trenta è stata estremamente umana e gentile nei nostri confronti però visto come è andato l'incontro, non per responsabilità sua, non mi sentivo di dire nulla. Rispetto profondamente l'Arma dei Carabinieri ma vorrei che vi fosse uguale rispetto per il processo in corso per far luce sulla morte di mio fratello".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali