FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Desaparecidos, 24 ergastoli a Capi di Stato e militari: tra le vittime delle repressioni anche italiani

La sentenza della Corte dʼassise dʼappello di Roma per i crimini avvenuti tra gli anni ʼ70 e ʼ80

Desaparecidos, 24 ergastoli a Capi di Stato e militari: tra le vittime delle repressioni anche italiani

La prima Corte d'assise d'appello di Roma ha inflitto 24 ergastoli a ex Capi di Stato ed esponenti delle giunte militari e dei servizi di sicurezza di Bolivia, Cile, Perù e Uruguay in carica tra gli anni '70 e '80, accusati di aver represso gli oppositori, tra i quali 23 italiani. In primo grado c'erano state 8 condanne all'ergastolo e 19 assoluzioni per il cosiddetto "Piano Condor" attuato dalle autorità sudamericane.

I giudici hanno disposto il risarcimento nei confronti delle 47 parti civili costituite da stabilirsi in sede civile, decretando una cifra provvisoria immediatamente esecutiva di un milione di euro per la Presidenza del Consiglio dei ministri e di cifre comprese tra i 250mila euro e i 100mila euro per gli altri soggetti. Tra i condannati al carcere a vita ci sono l'ex ministro dell'Interno della Bolivia, Luis Arce Gomez, l'ex presidente del Perù, Francisco Morales Bermudes, l'ex ministro degli Esteri dell'Uruguay, Juan Carlos Blanco (assolto per solo uno dei capi d'imputazione), e il tenente Jorge Nestor Fernandez Troccoli, gia' a capo del sistema di repressione della Marina militare uruguaiana, unico a vivere in Italia dopo essere scappato dal suo Paese, che in primo grado era stato assolto. Tutti erano accusati di omicidio volontario pluriaggravato.

Per "Piano Condor" si intende il coordinamento segreto tra i servizi di intelligence delle dittature militari di Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Paraguay e Uruguay per combattere il terrorismo e le forze eversive di sinistra in America Latina attuato tra gli anni '70 e '80.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali