FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Regeni, la Procura di Roma chiude le indagini: quattro 007 egiziani verso il processo

Le accuse vanno dal sequestro di persona pluriaggravato al concorso in omicidio aggravato. La mamma del ricercatore italiano, torturato e ucciso a Il Cairo: "Conte e Di Maio cosa fanno per la verità?"

Bologna, torna il poster di Giulio Regeni e Patrick Zaki

La Procura di Roma ha chiuso le indagini sulla morte di Giulio Regeni, avvenuta tra gennaio e febbraio del 2016 a Il Cairo, emettendo quattro avvisi di garanzia nei confronti di agenti dei servizi egiziani. Le accuse, a seconda delle posizioni, sono di sequestro di persona pluriaggravato, concorso in omicidio aggravato e concorso in lesioni personali aggravate. Chiesta l'archiviazione per un quinto agente.

Rischiano di finire sono processo il generale Tariq Sabir, Athar Kamel Mohamed Ibrahim, Uhsam Helmi, Magdi Ibrahim Abdelal Sharif. Quest'ultimo indagato, oltre al sequestro di persona pluriaggravato contestato a tutti, è accusato di lesioni personali aggravate (essendo stato introdotto il reato di tortura solo nel luglio del 2017) e l'omicidio del ricercatore friulano.

 

Chiesta l'archiviazione invece per Mahmoud Najem. "Per quest'ultimo - spiega una nota della Procura di Roma - non sono stati raccolti elementi sufficienti, allo stato, a sostenere l'accusa in giudizio". La notifica della conclusioni "delle indagini è avvenuta tramite il rito degli irreperibili" direttamente ai difensori di ufficio italiani non essendo pervenuta l'elezione di domicilio degli indagati dal Cairo.

 

"Come previsto dal codice di procedura penale gli indagati e i loro difensori d'ufficio hanno ora venti giorni di tempo per presentare memorie, documenti ed eventualmente chiedere di essere ascoltati", conclude la nota della Procura.

 

Paola Regeni: "Cosa fanno Di Maio e Conte per la verità?" "La stampa 'buona' lavori sull'Egitto, racconti l'Egitto, così aiutiamo anche il popolo egiziano. Fate giornalismo investigativo, chiedete ai politici 'cosa state facendo?'". E' il messaggio lanciato dalla mamma di Paola Regeni in collegamento video alla Camera. La mamma di Regeni poi si rivolge direttamente al premier: "Conte che sta facendo per la verità su Giulio? E il ministro degli Esteri Di Maio? I rapporti bilaterali con l'Egitto sono divenuti sempre più un'amicizia".

 

"Commissione faccia luce sulle responsabilità italiane" "Chiediamo alla Commissione di inchiesta di fare chiarezza sulle responsabilità italiane, ci riferiamo a tutte quelle zone grigie.. Cosa è successo nei Palazzi italiani da quel 25 gennaio al 3 febbraio. Come mai Giulio, un cittadino italiano, non è stato salvato in un Paese che era amico e che continua ad essere amico?", aggiunge la donna osservando: "Altrimenti tutti gli italiani che vanno all'estero possono ben dire di non sentirsi sicuri".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali