FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Aggressione a Roma per la maglia del "Cinema America", arrestati militanti CasaPound

I tre, Matteo Vargiu, Stefano Borgese e Marco Ciurleo, erano già noti "per la loro militanza nel movimento di estrema destra"

Tre persone, ritenute responsabili dell'aggressione a ragazzi che indossavano la maglietta del Cinema America a Roma, sono state arrestate dalla polizia. I tre, che secondo il gip sono "già noti per la loro militanza nel movimento di estrema destra CasaPound", si trovano ora ai domiciliari. L'aggressione avvenne tra i vicoli di Trastevere per la maglietta con la scritta "Piccolo cinema America", indossata da una delle vittime. 

Agli arresti domiciliari sono finiti Matteo Vargiu (23 anni), Stefano Borgese (38 anni) e Marco Ciurleo, (23 anni). Per l'aggressione, ha scritto il gip, si denota una "allarmante gravità delle condotte" per le quali "appare superflua ogni ulteriore aggiunta". I tre, ha aggiunto il giudice, si "sono resi responsabili in passato di azioni analoghe in ogni contesto spaziale e temporale ai danni di chiunque sia inquadrabile, anche in astratto, come portatore di idee politiche differenti, mettendo anche a repentaglio l`incolumità e la tranquillità degli altri cittadini". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali