FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ladro ucciso nel Bresciano, la famiglia della vittima chiede risarcimento di 125mila euro

Il 26enne albanese è stato freddato con un colpo di fucile diverse ore dopo essere entrato in unʼabitazione e in una zona del paese diversa rispetto alla villetta presa di mira

Ladro ucciso nel Bresciano, la famiglia della vittima chiede risarcimento di 125mila euro

La famiglia di Eduard Ndoj, ladro albanese di 26 anni ucciso a Serle, nel Bresciano, nel dicembre del 2013, ha avviato la procedura di messa in mora nei confronti di Mirco Franzoni, condannato a nove anni e quattro mesi di carcere per omicidio volontario. La vittima venne freddata con un colpo di fucile diverse ore dopo essere entrato nell'abitazione del fratello di Franzoni e in una zona del paese diversa rispetto alla villetta presa di mira.

La famiglia di Ndoj ha quindi fatto causa per chiedere il pagamento del risarcimento di 125mila euro disposto dai giudici di primo grado, confermato in Appello, ma mai versato dall'imputato. "Non ha mai chiesto scusa e neppure ha mai fatto un gesto verso la famiglia Ndoj. Chiediamo solo il rispetto della sentenza", ha spiegato l'avvocato Alessia Brignoli, legale di parte civile nel processo per il delitto di Serle.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali