FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

LʼAquila, accoltellarono migrante: due arresti, cʼè lʼaggravante razzista | "Moʼ li uccido tutti"

Lʼaggressione è avvenuta il 12 giugno sera dopo aver fatto irruzione nel centro di accoglienza di Sulmona

L'Aquila, accoltellarono migrante: due arresti, c'è l'aggravante razzista | "Mo' li uccido tutti"

Accoltellarono un profugo dopo aver fatto irruzione nel centro di accoglienza degli immigrati in corso Ovidio a Sulmona, in provincia de L'Aquila. Per questo Serafino Di Lorenzo, 39 sulmonese, e Nicola Spagnoletti, 46 anni, originario della Toscana, sono stati arrestati con l'accusa di tentato omicidio con l'aggravante della discriminazione razziale. "Mo' questi qua li uccido uno a uno", ha detto uno dei due aggressori durante l'aggressione.

Il provvedimento è stato firmato dal gip, Marco Billi, su richiesta del pm, Stefano Iafolla. La sera del 12 giugno i due salirono al terzo piano del centro di accoglienza, dove sono ospitati 27 migranti, minacciando gli ospiti con una pistola scacciacani e un coltello di piccole dimensioni. In un video si vede l'arma utilizzata dai due per minacciare i migranti e anche il coltello usato per colpire uno dei ragazzi.

I richiedenti asilo reagirono, sentendosi in pericolo e nel corso dei momenti concitati della discussione un ventitreenne proveniente dal Gambia, venne colpito con un coltello al fianco sinistro. In quell'occasione i due furono solo denunciati. I due aggressori sono stati rinchiusi nel carcere di Sulmona in attesa dell'interrogatorio di convalida che dovrebbe svolgersi lunedì mattina.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali