FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Inchiesta mascherine irregolari, l'ex commissario Arcuri a rischio processo: "Ora potrò difendermi"

La Procura di Roma ha chiuso le indagini dell'inchiesta sull'acquisto di oltre 800 milioni di dispositivi di protezione ritenuti non conformi

Rischio processo per l'ex commissario straordinario per l'emergenza Covid, Domenico Arcuri.

La Procura di Roma ha chiuso le indagini dell'inchiesta sull'acquisto di oltre 800

milioni di mascherine ritenute non conformi

. Oltre ad Arcuri, accusato di abuso d'ufficio, i pm hanno notificato l'avviso di chiusura indagini ad altre 10 persone tra cui l'imprenditore Mario Benotti, cui è contestato il traffico di influenze illecite, e Antonio Fabbrocini, responsabile unico del procedimento per la struttura commissariale accusato di frode nelle pubbliche forniture, falso e abuso d'ufficio.

 



 


Ad Arcuri i magistrati di piazzale Clodio contestano di avere nella "qualità di pubblico ufficiale - è detto nel capo di imputazione - e in concorso con Fabbrocini e in unione e concorso per mutuo accordo con l'imprenditore Vincenzo Tommasi" costituito "intenzionalmente, in capo al Tommasi, con ciò abusando del loro ufficio, un'illecita posizione di vantaggio patrimoniale". Un modus operandi che garantiva all'imprenditore "la facoltà di avere rapporto commerciale con la Pa senza assumere alcuna responsabilità sul risultato della propria azione e sulla validità delle forniture che procurava; la quasi totale esclusiva nella intermediazione di fatto delle forniture di mascherine chirurgiche e dpi importati dalla Cina".


 


Per quanto riguarda la posizione di Benotti, accusato con altri sette di traffico di influenze, avrebbe sfruttato le "relazioni personali e occulte con Arcuri, ottenendo che quest'ultimo assicurasse ai partner di Benotti un'esclusiva in via di fatto nell'intermediazione delle forniture di maschere chirurgiche e dispositivi di protezione individuali". Nei confronti di Fabbrocini si contesta, per quanto riguarda l'accusa di falso, di avere agito "nella qualità di rup" inducendo "il Cts ad attestare falsamente la conformita' dei presidi sanitari importati alle norme Uni En".


 



 


Arcuri: "Ora potrò esercitare il mio diritto alla difesa"

"Nel pieno rispetto del lavoro della magistratura, esprimo la mia soddisfazione per l'archiviazione delle ipotesi" di reato "relative non solo alla corruzione ma anche al peculato". E' il commento di Arcuri, che si è detto inoltre soddisfatto della "possibilità di esercitare finalmente il mio diritto alla difesa in relazione alla residuale ipotesi di abuso d'ufficio".


 


La possibile richiesta di rinvio a giudizio per l'abuso d'ufficio, sottolinea l'ufficio stampa dell'ex commissario, si profila "tra l'altro per la mancata applicazione di un regio decreto del 1923". E con il deposito degli atti, aggiunge inoltre l'ufficio stampa dell'ex struttura commissariale, "Arcuri potrà finalmente effettuare con piena cognizione degli atti la sua difesa".


 


In ogni caso, si ribadisce, "il comportamento di Arcuri e dell'intera struttura commissariale è sempre stato conforme al rispetto della legge e delle esigenze della collettività in un momento particolarmente drammatico". Secondo la difesa dell'ex commissario l'ipotesi di abuso è "particolarmente fragile e incoerente" e dunque, conclude l'ufficio stampa, "nel rispetto dell'attività dell'Autorità giudiziaria, sarà esercitato il diritto di difesa nella maniera più intransigente possibile".


 


Dublino, infermiera reinterpreta i capolavori dell'arte per raccontare la storia del Covid

Chloe Slevin, infermiera tirocinante iscritta al terzo anno dell'University College di Dublino, reinterpreta i capolavori artistici per raccontare la storia della pandemia di Covid a scopo di beneficenza. Tra le opere più apprezzate c'è sicuramente la "Corona Lisa": la rivisitazione con mascherina della Gioconda di Leonardo da Vinci è stato dipinto dalla 21enne con l'obiettivo di essere messo all'asta per raccogliere fondi destinati all'ospizio per bambini LauraLynn.

Leggi Tutto Leggi Meno


 


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali