FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il Papa: "Amatrice nel cuore, la ricostruzione tarda ancora a decollare"

Il Santo Padre a tre anni dal devastante terremoto denuncia che "sono sempre i poveri a pagare il prezzo più alto delle devastazioni ambientali"

Il Papa ha inviato un messaggio alle "Comunità Laudato si'" riunite ad Amatrice. "È un segno di speranza il fatto di ritrovarsi propio ad Amatrice, il cui ricordo - sottolinea Francesco- è sempre presente al mio cuore". "Non solo è un segno di prossimità per chi vive tra il ricordo della tragedia e la ricostruzione che tarda a decollare, ma esprime la volontà di far risuonare forte che sono i poveri a pagare il prezzo più alto delle devastazioni ambientali".

"Le ferite inferte all'ambiente sono inesorabilmente ferite inferte all'umanità più indifesa", sottolinea il Santo Padre. Partendo dal tema scelto dal convegno, l'Amazzonia, il pontefice chiarisce: "La situazione dell'Amazzonia è triste paradigma di quanto sta avvenendo in più parti del pianeta: una mentalità cieca e distruttrice che predilige il profitto alla giustizia; mette in evidenza l'atteggiamento predatorio con il quale l'uomo si rapporta con la natura".

Il pontefice aggiunge: "Per favore, non dimenticate che giustizia sociale ed ecologia sono profondamente interconnesse! Ciò che sta accadendo in Amazzonia avrà ripercussioni a livello planetario, ma già ha prostrato migliaia di uomini e di donne derubate del loro territorio, divenute straniere nella propria terra, depauperate della propria cultura e delle proprie tradizioni, spezzando l'equilibrio millenario che univa quei popoli alla loro terra. L'uomo non può restare spettatore indifferente dinanzi a questo scempio, né tanto meno la Chiesa può restare muta".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali