FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gioco dʼazzardo online, lʼallarme della psicologa: "Diversi casi anche tra i bambini"

Dai giochini innocenti al poker: cadere nella trappola non è poi così difficile. I giovani rubano carte di credito e soldi a genitori e nonni. Tgcom24 ne ha parlato con la psicologa clinica e sessuologa Giuliana Guadagnini

Gioco d'azzardo online, l'allarme della psicologa:  "Diversi casi anche tra i bambini"

Sin dalla tenera età, i bambini - utilizzando i giochini di Internet ed entrando nel meccanismo gioco-vincita, gioco-perdita - rischiano di cadere nella trappola del gioco d’azzardo online. È proprio quello che è accaduto a un bambino di 7 anni, che ora ne ha 9: il piccolo mandava sms dal telefono dei suoi o chiamava dal fisso dei nonni per andare avanti negli step di gioco, finché la mamma si è resa conto delle spese. Spesso - per alcuni soggetti più vulnerabili di altri - il passo dalla dipendenza dai videogiochi al gioco d’azzardo non è poi così lungo. Il bambino, poi, diventa ragazzo. E il ragazzo adulto. Dai giochini - che comportano il pagamento di cifre irrisorie - si passa al poker. Dal poker alle slot. E, senza neanche rendersene conto, si entra nel tunnel. Tgcom24 ne ha parlato con la psicologa clinica e sessuologa Giuliana Guadagnini.

Dott.ssa Guadagnini, come avviene il primo contatto bambini-gioco a pagamento?
I bambini sono nativi digitali. Iniziano abitualmente a utilizzare i tablet o gli smartphone dei genitori intorno ai 3-4 anni. Spesso si imbattono in giochi, di base gratuiti, che richiedono denaro per gli step successivi e che creano dipendenza perché abituano a ritmi precisi. Avviene così il primo contatto con il gioco a pagamento. I piccoli cominciano a estraniarsi per ore dalla realtà e a utilizzare le carte di credito dei genitori o dei nonni o il loro credito telefonico tramite sms.

Può raccontarci una sua esperienza?
Ho conosciuto e avuto in terapia un ragazzino di 9 anni che ha iniziato con un giochino innocente quando ne aveva 7. Stava sempre chiuso nella sua stanza, attaccato al telefonino o al tablet dei genitori, e spendeva tantissimo per continuare le partite e raggiungere i livelli successivi. La madre e il padre, separati, non sospettavano nulla perché quando controllavano lo vedevano impegnato con giochini innocenti, appunto. Data la sua giovane età, non riusciva a rendersi conto di quanto spendeva. Dopo 4-5 mesi i genitori lo hanno beccato.

Perché i bambini, anche così piccoli, sono attratti dal gioco d’azzardo online?
Il gioco attrae soprattutto i giovani più timidi e isolati. E La storia di questo ragazzino è emblematica. Il suo modo di cercare gratificazione e compagnia era quello. Il bimbo si sentiva solo, non aveva un grande dialogo con i genitori e temeva di essere sgridato. Per questo non si era confidato.

Il ragazzino in questione ora è stato scoperto, ma sono tanti i giovani che crescono, all’insaputa dei genitori, senza riuscire a capire il valore del denaro...
Sì, perché passano dai giochini al poker, ormai abituati a un certo meccanismo: per ottenere di più devi spendere e per spendere basta un clic. Alcuni arrivano, addirittura, a convincersi di poter guadagnare in questo modo. Si tratta di un fattore predittivo di rischio: i ragazzi giocano senza limiti e senza tempi. Non si accorgono più se è giorno o notte. E così, passano da un gioco all’altro senza nemmeno rendersene conto. Da qui, spesso, arrivano a spendere soldi, a perdere ingenti somme di denaro e a diventare giocatori d’azzardo patologici.

Gioco d’azzardo e giovani: i dati - La situazione allarmante e in continuo peggioramento è certificata dai dati: l’Italia è il più grande mercato del gioco d’azzardo in Europa. E se le slot continuano a mietere vittime, il gioco online sta prendendo sempre più piede, soprattutto tra i giovani che sono più avvezzi alla tecnologia e possono camuffare la loro età. La relazione al Parlamento 2016 sullo stato delle tossicodipendenze nel nostro Paese racconta che dei ragazzini tra i 15 e i 19 anni, il 42% ha giocato d’azzardo almeno una volta nell’anno precedente. Ancora dati. Più di 200mila ragazzi under 19, puntano soldi quattro o più volte la settimana. In generale, i contesti di gioco maggiormente frequentati dai giocatori sono bar/tabaccherie (35%) e sale scommesse (28%), ma anche casa propria o di amici (37%) e Internet (19%).

Abitudine che diventa dipendenza - La facilità di accesso a Internet ha favorito la crescita del numero di minori coinvolti. I giovani, fidelizzati al gioco sin da piccoli, perdono la cognizione del possibile pericolo perché tutto diventa normale. Così, tra una scommessa sportiva e un bingo, tra una partita di poker e un giro di slot, sempre più spesso per gli adolescenti il gioco si trasforma in una vera e propria ossessione. Diventare dipendenti è “semplice”: non si contano più i siti e le app dove puntare dei soldi. Inoltre, il mercato del gioco d’azzardo, negli ultimi anni, ha trovato nuova linfa su Internet grazie alla possibilità di coinvolgere un numero elevato di persone e ai metodi di pagamento che abbassano la percezione della perdita di denaro (carte di credito rispetto ai tradizionali contanti e fiches).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali