FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

La Germania rivuole il Discobolo, Sangiuliano: "Devono passare sul mio cadavere"

"L'opera deve assolutamente restare in Italia perché è patrimonio della Nazione", ha aggiunto il ministro della Cultura

La Germania rivuole il Discobolo, Sangiuliano: "Devono passare sul mio cadavere" - foto 1
sito ufficiale

I vertici della Staatliche Antikensammlungen und Glyptothek di Monaco di Baviera hanno chiesto di riavere il Discobolo Lancellotti, una copia romana in marmo del II secolo d.C.

del celebre bronzo di Mirone conservata nella sede di Palazzo Massimo del Museo Nazionale Romano. L'opera era stata venduta alla Germania nazista nel 1938 per poi tornare in Italia nel 1948. Il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano ha respinto la richiesta dicendo che "devono passare sul mio cadavere". Lo riporta il Corriere della Sera.

 

"L'opera deve assolutamente restare in Italia perché è patrimonio della Nazione" - "L'opera deve assolutamente restare in Italia perché è patrimonio della Nazione. Spero ci venga restituita la base settecentesca. Penso che la ministra federale della Cultura, Claudia Roth, non sappia nulla di questa storia. E sono certo che la collaborazione tra Germania e Italia, già ottima in tanti campi, migliori ancora in futuro anche in quello culturale", ha aggiunto Sangiuliano. 

 

La storia della statua - La statua era stata venduta dal proprietario, il principe romano Lancellotti, alla Germania per volere di Benito Mussolini e nonostante le rimostranze del ministro dell'Educazione nazionale Giuseppe Bottai. Hitler aveva notato la statua durante la sua visita a Roma nel maggio 1938: infatti, incarnava le qualità dell'ideale "ariano". Una volta acquistata, il Führer l'aveva donata alla Glyptothek di Monaco di Baviera. Il Discobolo era poi tornato in Italia 10 anni dopo perché inserito nella lista delle opere sequestrate dai nazisti da restituire all'Italia. 

 

Secondo quanto riporta il Corriere nell'edizione odierna, tutto è nato da una richiesta - attraverso una lettera - del direttore del Museo Nazionale Romano, Stéphan Verger, a quello della Gliptoteca di Monaco, Florian S. Knauß: la restituzione della base marmorea settecentesca del Discobolo. Knauß ha negato la restituzione della base e replicato: "Non sono nella condizione di abbandonare la nostra rivendicazione legale di una restituzione del Discobolo al nostro museo. La scultura venne legalmente acquistata dallo Stato Tedesco dopo essere stata offerta al Metropolitan Museum di New York. Le istituzioni italiane al potere in quel momento furono d'accordo con l'esportazione. Non è stato nemmeno un 'regalo' a Adolf Hitler. Il rimpatrio in Italia ha violato la legge, secondo l’opinione legale dello stato bavarese e del nostro museo".  

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali