FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fuoricorso allʼuniversità, giudici: "Il padre divorziato deve mantenerla"

Già il Tribunale di Pordenone aveva imposto allʼuomo di provvedere alla figlia, secondo gli obblighi assunti con il divorzio. La giovane aveva chiesto 2.500 euro al mese, la Corte gliene ha concessi 350

Fuoricorso all'università, giudici: "Il padre divorziato deve mantenerla"

La Corte d'Appello di Trieste ha obbligato un padre a corrispondere un assegno mensile di 350 euro alla figlia, fuoricorso all'università. L'uomo, separato dalla madre della ragazza, aveva ridotto la "paghetta" a 20 euro alla settimana: motivo che ha indotto la 26enne a citarlo in giudizio e a chiedere 2.500 euro al mese. Già il Tribunale di Pordenone aveva imposto all'uomo di provvedere alla figlia, secondo gli obblighi assunti con il divorzio.

Secondo i giudici, "il padre ha l'obbligo di mantenere il figlio che non è riuscito a conquistarsi l'indipendenza economica". La richiesta di 2.500 euro al mese, comprensivi di 400 euro per lo svago e mille euro all'anno per le vacanze, è stata tuttavia ridimensionata.

Esprimendo parere favorevole alla studentessa, il Tribunale di Pordenone aveva stabilito un assegno in suo favore di 500 euro al mese. La "paghetta" corrisposta dal padre alla figlia esulava da spese mediche, di carburante, per l'abbigliamento e affini.

Il padre, che aveva tagliato i viveri alla figlia a fronte del suo ritardo negli studi, aveva quindi presentato ricorso alla Corte d'Appello di Trieste, spiegando di provvedere già al mantenimento della figlia con lui convivente e di voler legare la corresponsione dell'assegno ai risultati nello studio per ragioni educative.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali