FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Clonato sito Prada, prodotti falsi made in Italy: sgominata organizzazione

Pordenone, si vendevano su internet prodotti contraffatti della casa di accessori e abbigliamento, partendo dalla Cina, passando per Francia, Olanda e Inghilterra.

prada
ansa

La guardia di finanza di Pordenone ha sgominato, in un'operazione internazionale, un'organizzazione criminale del falso Made in Italy, sequestrando e oscurando un sito che imitava fedelmente il marchio Prada. Il lungo filo della rete criminale, che vendeva su internet prodotti contraffatti della casa di accessori e abbigliamento, si dipanava dalla Cina, passando per Francia, Olanda e Inghilterra.

Le indagini hanno consentito alle Fiamme Gialle di individuare in Francia, nel Dipartimento della Loira, la persona che in Olanda aveva registrato il sito collegato alla rete internet tramite un server collocato in Inghilterra. Attraverso le indagini i finanzieri hanno appurato che una volta effettuati gli ordini telematici e accreditati i pagamenti su un conto corrente acceso nella Cina meridionale, precisamente nella regione del Guandong, i prodotti venivano consegnati da un corriere internazionale presso gli indirizzi degli acquirenti.

I beni, tuttavia, non potevano essere ritirati se non dopo avere pagato le inaspettate spese di sdoganamento dato che risultavano sorprendentemente spediti da Hong Kong. A questa prima sgradita sorpresa ne seguiva un`altra, poiché i prodotti ricevuti, per quanto curati fin nei minimi particolari, non erano affatto autentici. Si trattava, infatti, di abilissime contraffazioni dei prodotti originali della casa di moda italiana come è stato possibile stabilire solo grazie agli occhi esperti dei suoi ispettori.

Per evitare ulteriori danni alla griffe italiana e impedire il protrarsi delle truffe per gli utenti di internet, le Fiamme Gialle hanno ottenuto dalla Autorità Giudiziaria pordenonese il sequestro e l`oscuramento del sito per ben 90 provider di tutto il mondo.