FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Caso Liliana Resinovich: l'esame del Dna scagiona il marito, l'amico e il vicino di casa

La 63enne triestina è scomparsa da casa il 14 dicembre ed è stata ritrovata senza vita il 5 gennaio nel vicino boschetto dell'ex ospedale psichiatrico. Per gli inquirenti si fa largo l'ipotesi del suicidio 

L'analisi scientifica della traccia biologica maschile trovata sul cordino che stringeva al collo i due sacchetti di nylon nei quali era infilata la testa di Liliana Resinovich ha dato esito negativo.

Il

Dna

dunque non è né del

marito

Sebastiano, né dell'

amico

Claudio, né del

vicino di casa

Salvatore. La 63enne triestina è scomparsa da casa il 14 dicembre ed è stata ritrovata senza vita il 5 gennaio nel vicino boschetto dell'ex ospedale psichiatrico.

 


Il ritrovamento del corpo

Come riporta il Corriere della Sera, gli inquirenti dopo il ritrovamento del corpo della donna in posizione fetale all'interno di due sacchi neri della spazzatura, aperti, uno infilato dalla testa e l'altro dai piedi, gli inquirenti non hanno escluso alcuna pista. Chi conduce le indagini non ha mai escluso l'ipotesi del suicidio. 


 


Le indagini

A deporre per quest'ultima ipotesi, è la scoperta del Dna di Liliana sul cordino, che lei avrebbe usato per soffocarsi. Una traccia nitida ma mista, nel senso che sullo stesso punto è stato individuato anche un Dna maschile, molto debole, al quale gli inquirenti non hanno mai dato molta importanza.


 


L'esame del Dna

Per non lasciare nulla di intentato si è deciso di procedere alla comparazione con il Dna dei soggetti più vicini a Liliana (nessuno di loro indagato): il marito Sebastiano Visintin, l'amico del cuore Claudio Sterpin, e il vicino di casa Salvatore Nasti. Secondo la Scientifica nessuno dei tre ha toccato quel cordino che potrebbe aver soffocato Liliana. Considerato poi che dall'indagine non sono emersi elementi concreti contro terze persone, gli inquirenti ritengono sempre più probabile che la soluzione del giallo possa essere il suicidio della donna.


 



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali