l'evento internazionale

Una giornata di riflessione sulla violenza di genere al tribunale di Milano

L'evento internazionale "Violenza di Genere: Sfide Legali nei Contesti Internazionali", si è tenuto presso l'Aula Magna del tribunale di Milano

10 Lug 2024 - 14:58
5 foto
 © Ufficio stampa

© Ufficio stampa

1 di 5
© Ufficio stampa © Ufficio stampa © Ufficio stampa © Ufficio stampa

© Ufficio stampa

© Ufficio stampa

All'Aula Magna del tribunale di Milano, relatori di grande esperienza sono intervenuti nell'ambito dell'evento internazionale: "Violenza di Genere: Sfide Legali nei Contesti Internazionali". La conferenza, organizzata dall’Avvocato Federica Dell’Orto in collaborazione tra l'Ordine degli avvocati di Milano e la New York State Bar Association, ha riunito esperti legali dall'Italia e dagli Stati Uniti per discutere le sfide legali relative alla protezione delle donne contro la violenza di genere in vari contesti giuridici.

Tra gli ospiti di spicco: Giuseppe Ondei, presidente della Corte d'Appello di Milano; Fabio Roia, presidente del tribunale di Milano; Valeria De Vellis, avvocato dello Studio Legale Missaglia De Vellis; Cinzia Calabrese dello Studio Legale Cinzia Calabrese; Federica Dell’Orto, della Dell’Orto Lawfirm, organizzatrice e moderatrice per la New York State Bar Association; Federica Vettori, esperta in Relazioni Istituzionali.

L'evento ha fornito un'analisi approfondita della situazione della violenza contro le donne a livello globale, esaminando le vie legali disponibili per combatterla. È stata svolta un'analisi comparativa delle diverse giurisdizioni di Italia e Stati Uniti. Particolare attenzione è stata dedicata all'implementazione locale degli strumenti legali internazionali per i diritti delle donne.

Al centro della discussione vi sono state le esperienze concrete dei relatori, che hanno condiviso casi trattati nei tribunali, approfondendo le metodologie seguite. Particolarmente toccante è stata la testimonianza live di Consolee Nishimwe, sopravvissuta al genocidio in Ruanda, che ha raccontato gli orrori vissuti e le ulteriori violenze inflitte alle donne nelle zone di guerra.

Sono state evidenziate storie drammatiche, come quelle di Giulia Cecchettin, Giulia Tramontano ed Emanuela Orlandi in Italia, e statistiche scioccanti da tutto il mondo, richiamando l'attenzione su una realtà spesso taciuta e sulla necessita di promuovere leggi e politiche più rigorose.

L'evento si è concluso con un appello all'azione: promuovere leggi e politiche più rigorose, applicarle con determinazione e garantire che ogni donna che cerca giustizia possa ottenerla. “La battaglia contro la violenza si vince imparando a riconoscerla: le donne devono evitare il “primo appuntamento”, se avvertono il pericolo devono denunciare e lo Stato deve intervenire immediatamente. In Italia le leggi ci sono", ha affermato De Vellis. “Non possiamo permetterci di restare inerti o di aspettare che altri guidino questa battaglia. Quando si tratta di uguaglianza di genere e di eliminazione della violenza di genere, l'indifferenza è un lusso che non possiamo permetterci," ha concluso Dell’Orto.

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri