FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Fondi Sardegna, lʼex sottosegretaria Francesca Barracciu condannata a 4 anni

Eʼ riconosciuta colpevole di peculato aggravato per il periodo in cui era consigliera regionale. Il suo avvocato annuncia ricorso

Fondi Sardegna, l'ex sottosegretaria Francesca Barracciu condannata a 4 anni

L'ex sottosegretaria alla Cultura del governo Renzi, Francesca Barracciu (Pd), è stata condannata a 4 anni di reclusione per peculato aggravato nell'ambito dello scandalo sui fondi destinati ai gruppi del Consiglio regionale della Sardegna e spesi per fini non istituzionali. La sentenza è stata pronunciata dalla seconda sezione del Tribunale di Cagliari. Il pm Marco Cocco aveva chiesto per l'imputata 5 anni di carcere.

Alla Barracciu la Procura contestava circa 80 mila euro ricevuti quando era consigliera regionale, utilizzati per spese non istituzionali. L'ex sottosegretaria aveva spiegato nel corso di due interrogatori che quel denaro era stato speso per "rimborso chilometrico per iniziative fatte nell'interesse del gruppo", ma per il pm i conti non tornavano, e quelle della Barracciu erano quindi "giustificazioni virtuali".

Oltre alla condanna, per Francesca Barracciu è scattata anche l'interdizione dai pubblici uffici per lo stesso periodo. L'avvocato difensore Franco Luigi Satta ha subito annunciato ricorso in appello, quando si potranno leggere le motivazioni del verdetto tra novanta giorni. "Dall'accusa non ho sentito una parola in diritto - ha detto il legale - questo e' quello che accade a fare le cavie. Ora faremo appello".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali