FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Firenze, parla la moglie di Idy Diene: "Sto male, basta ammazzare i neri"

Rokhaya Mbengue è rimasta vedova per la seconda volta. Il primo marito è stato ucciso nel 2011 da un simpatizzante di CasaPound

"Sento solo dolore, sto male. Ora basta, è la seconda volta." A parlare è Rokhaya Mbengue, la vedova di Idy Diene, l'ambulante ucciso a Firenze da Roberto Pirrone. La donna, intervistata da Matrix, si trova tristemente a vivere per la seconda volta il dolore della perdita del marito a distanza di sette anni da quando rimase vedova per la prima volta. Nel 2011 era infatti sposata con Modou Samb, uno dei due senegalesi uccisi il 13 dicembre 2011 in piazza Dalmazia, sempre a Firenze e anche loro a colpi di pistola, dall'estremista di destra Gianluca Casseri. "Perché non si ammazzano tra bianchi? Ammazzano sempre i neri. Non va bene, siamo tutti uguali", dice la donna con la voce rotta dal dolore. Un urlo disperato di chi chiede di fermare la violenza così come lo chiede il sindaco Dario Nardella: "Ci sono persone a cui non interessa nulla del dolore di Idy ma sono solo interessate a sfruttare questo dolore per portare avanti una vera e propria guerriglia politica".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali