FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Eutanasia, il presidente di Exit-Italia indagato per istigazione al suicidio

Secondo lʼaccusa avrebbe, "tramite mail e telefonate", aiutato una donna a decidere di porre fine alla sua vita in Svizzera

Eutanasia, il presidente di Exit-Italia indagato per istigazione al suicidio

Emilio Coveri, fondatore e presidente dell'associazione Exit-Italia che promuove il diritto all'eutanasia, è indagato dalla Procura di Catania per istigazione al suicidio di una insegnante di 47 anni che soffriva di una grave forma di depressione. A quanto pare però, l'uomo si è sentito onorato dall'accusa: "Me lo aspettavo. Ora mi onoro di essere indagato come Marco Cappato. Anche se io, a differenza sua, non ho fatto proprio nulla di eroico".

Secondo l'accusa, l'associazione Exit-Italia avrebbe "tramite mail e telefonate" aiutato la donna a decidere di porre fine alla sua vita con il suicidio assistito in Svizzera. La 47enne, Alessandra Giordano, viveva a Paternò, nel Catanese, ed era associata a Exit-Italia, ma per la Procura "appare assai dubbia la sussistenza dei requisiti richiesti per il suo suicidio legalmente assistito anche per l'ordinamento svizzero". 

"Rimane il fatto", ha aggiunto il presidente di Exit Italia, "che tutti noi che crediamo veramente in quel diritto di libera scelta che ci stanno negando, siamo amareggiati: la politica, invece di discutere una normativa di legge sull'eutanasia e suicidio assistito in Italia, pensa soltanto a litigare per le solite sporche e ormai vetuste ideologie".

A queste parole di Coveri si aggiungono quelle di Silvio Viale, esponente radicale torinese e responsabile scientifico di Exit-Italia: "È necessario che il Parlamento intervenga non solo per dirimere il quesito sull'articolo 580 del codice penale, istigazione al suicidio, come richiesto dalla corte Costituzionale per il caso di Fabiano Antoniani, ma per legalizzare anche in Italia l'eutanasia volontaria come in Belgio, Olanda, Lussemburgo e Svizzera." "Exit-Italia", ha assicurato Viale, "continuerà a battersi per l'eutanasia legale volontaria in Italia e ringrazia la disponibilità delle associazioni svizzere, che hanno permesso a molti italiani di porre fine a sofferenze non più tollerabili nel rispetto delle leggi svizzere e italiane".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali