FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

“Era un gioco, ma mi è sfuggito di mano”: parla il creatore della chat pedofila e razzista "Shoah Party"

Il giovane:  "A un certo punto ho provato ribrezzo, cancellavo i file ma non sono uscito, è stato un errore"

"E' stato un errore, era un gioco ma mi è sfuggito di mano". Parla, per la prima volta, il 16enne creatore di "Shoah Party", il gruppo su WhatsApp che inneggiava a Hitler e all'Isis, e dove un gruppo di adolescenti era arrivato a scambiarsi video pornografici. "A un certo punto ho provato ribrezzo, cancellavo i file ma non sono uscito" aggiunge il ragazzo, che oggi vorrebbe nascondersi per la vergogna ma non può farlo. Deve, anzi, "metterci la faccia".

Il ragazzo, parlando a La Repubblica sotto lo sguardo della mamma e dell'avvocato, ha ricostruito le fasi che hanno portato a una escalation terribile che, inevitabilmente, avrà gravi conseguenze.  "Ho creato la chat e ho detto: 'Entrate e fate battute'. Non ho messo nessun limite, pensavo che sui social e su Internet ognuno fosse responsabile solo per sé". E, invece, lui era l' "amministratore" di quella chat. Prova vergogna, ma il danno è fatto e (forse) 16 anni sono pochi per rendersi "davvero" conto di aver combinato un guaio grosso, molto grosso, con quel cellulare in mano. Perché, di fatto, il risultato è stato quello di dare spazio a gruppo in cui ragazzini dai 13 anni in su che si scambiavano video con violenze sui bambini e battute atroci, nazismo e insulti a migranti e disabili. Una chat creata da un ragazzo "appassionato di fisica quantistica" che "sogna di fare il medico".

Ma di era stata l'idea? E quando era stato creato il gruppo? "L'idea mi era venuta dopo aver visto una pagina Instagram di black humor di un mio amico. Ho preso questo argomento e l' ho spostato su WhatsApp perché la gente con la stessa passione si potesse incontrare. Idea mia e di un mio compagno di classe. Si doveva ridere e scherzare. ma tutto è sfuggiro di mano". Quanti messaggi al giorno?
"C' erano giorni che arrivavo da scuola e ne trovavo 600, arrivavo a 2.000 notifiche. Ma cancellavo, non guardavo tutto, c'era roba assurda. Io ho Internet solo a casa, se ero fuori non potevo vederle". Però ha il cellulare. E la domanda sorge spontanea: i genitori non sapevano nulla? "Ogni tanto controllavano il mio telefono, ma senza accorgersi di niente. Ho il cellulare dalle medie, ci faccio i compiti, le ricerche. A me interessa la fisica quantistica".

Fino a quando, alle 4 del mattino, sono arrivati i carabinieri a suonare alla porta di casa: "All'inizio non ho collegato. Poi hanno pronunciato quella parola: pedopornografia, e ho capito. Ho letto le accuse: mi sono sentito svenire. Da allora non dormo la notte, ho vomitato per l' ansia. Sono pentito, so che ho sbagliato: ora andrò dallo psicologo, starò lontano per un po' dal cellulare e per sempre dalle chat".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali