FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rimini, bagnini in rivolta: "Bimbi soli in acqua, denunciamo i genitori"

I "baywatch" della riviera si lamentano delle negligenze di genitori "che spesso si accorgono che i figli stavano annegando quando li riportiamo a riva". E preparano lʼoffensiva legale

Rimini, bagnini in rivolta: "Bimbi soli in acqua, denunciamo i genitori"

Rivolta in spiaggia a Rimini. I bagnini del litorale adriatico si sono stancati delle negligenze dei genitori che lascerebbero troppo soli i figli in acqua. "Troppo spesso si accorgono che hanno rischiato di annegare quando li riportiamo a riva" accusano e ora partiranno le denunce. "Ci stiamo organizzando con gli avvocati - dicono al "Giorno" - per denunciare i genitori che lasciano incustoditi i figli".

"Non è accettabile - lamentano i guardiacosta al quotidiano - che un bambino di 7 o 8 anni entri in acqua da solo senza essere guardato nemmeno a vista da un adulto, specialmente nelle giornate in cui il mare è più 'agitato'". La base per ricorrere legalmente contro i genitori troppo fiduciosi (o menefreghisti a seconda dei punti di vista) sarebbe l'articolo 591 del Codice penale, quello sull'abbandono dei minori.*

Il problema non è nuovo, si perde indietro nel tempo, ma è tornato prepotentemente d'attualità dopo l'ultimo fine settimana, "nel corso del quale - spiega il portavoce della associazione dei marinai di salvataggio della provincia di Rimini, Andrea Manduci - molti di noi hanno prestato soccorso a diversi bambini che rischiavano di annegare".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali