FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ravenna: dopo 50 anni scopre il padre col Dna, chiede un risarcimento di 4 milioni di euro

Unʼoperaia 56enne, ha citato un imprenditore oggi ultrasettantenne per via del tenore di vita negatole, sebbene ne fosse la figlia naturale

Ravenna: dopo 50 anni scopre il padre col Dna, chiede un risarcimento di 4 milioni di euro

Sono passati quasi 50 anni da quando per la prima volta la madre le indicò chi era il suo vero padre a quando il Tribunale di Ravenna ha accertato dal Dna che era davvero così, con probabilità vicina al 100%. Così la donna, un'operaia ravennate 56enne, ha citato l'uomo, un imprenditore oggi ultrasettantenne, chiedendo quattro milioni tra danni patrimoniali e non, per via del tenore di vita negatole, sebbene fosse la figlia naturale.

Nell'atto di citazione, come riportato dal Resto del Carlino, sono state messe in evidenza le condizioni di indigenza che hanno caratterizzato l'infanzia della figlia e quelle di agio del padre naturale. L'uomo e la madre si erano conosciuti quando questa aveva 16 anni.

La donna rimase incinta quasi subito, ma diventata maggiorenne - prosegue la citazione - lui si allontanò senza avere riconosciuto la figlia. A sei anni la bimba aveva saputo chi era il padre e a 16 aveva iniziato a cercarlo. Solo di recente ha avviato l'iter per farsi riconoscere e poi chiedere i danni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali